Tag "rosea"

 

Non solo sport. Teotino: ‘ Diritti tv? Da primi a ultimi’. Europei: girone ok. Auto F1: Hamilton in ‘rosso’?

Non solo sport. Teotino: ‘ Diritti tv? Da primi a ultimi’. Europei: girone ok. Auto F1: Hamilton in ‘rosso’? Luci su Gianfranco Teotino, sempre autorevole, ma che quando interviene non si sa mai se è per ' mettere dell'avviso' il nostro calcio o per ' deprimerlo'. Nella rubrica sulla 'rosea' titolata ' Calcio di rigore', così esterna: ' E poi c'è chi si stupisce che dal 2010 nessuna squadra italiana riesca a vincere una Coppa europea. Eravamo i primi, ora siamo gli ultimi. Prima che in campo, alla cassa, quando tutti gli studi dimostrano una correlazione diretta fra successi calcistici e fatturato, sempre più rare le eccezioni. I penosi teatrini che caratterizzano le vicende della Lega, la cosiddetta Confindustria del pallone che ha molti più poteri che non la Confindustria vera, non bruciano solo la credibilità del sistema, ma anche le sue risorse potenziali'. 'Quando nel 2009 i soliti noti portarono Maurizio Berretta alla presidenza, la Serie A si stava già allontanando dalla Premier, ma in materia di ricavi da diritti televisivi era saldamente davanti a Liga, Bundes, mentre oggi è scavalcata perfino da Ligue 1 francese. Negli ultimi dieci anni - rincara Teotino - il totale dei proventi televisivi, fra diritti domestici ed esteri, è aumentato del 243% in Inghilterra, del 222% in Spagna, del 202% in Germania, del 75% in Francia e soltanto del 52,4% in Italia. E invece Lotito e compagnia di giro, alleati a seconda delle convenienze del momento, continuano a tenere in scacco le opportunità manageriali della Lega, usando tutte le armi di sbarramento a disposizione ... Basti un dato - conclude - per capire meglio quanto valore sia stato dissipato: nella stagione 2003/2004 la Roma fatturava 132 mln e il Barcellona 122 mln; nel 2018/19 la Roma è arrivata, grazie alle plusvalenze, a 380 mln, ma il Barcellona a 990 mln!'. Solita debordante dimostrazione di supremazia nell'ultima di F1, ad Abu Dhabi, da parte del sei volte iridato. Il quale, si va ventilando, starebbe per lasciare le 'frecce', gran macchine certo, per trapassare sulle ' rosse', che macchine non sono più da tempo ma solo ippogrifi alati che volano tra Olimpo e Terra. Nella Coppa del Mondo di sci alpino che ha aperto le danze in Nord America, è tornata la valanga 'rosa': primo trionfo in gigante per Marta Bassino, con Brignone seconda; mentre , tra gli uomini, Paris sfiora il successo in discesa, beffato per soli due centesimi a Lake Luise. Si è ridimensionata, nel frattempo, l'Armani Milano di basket in Coppa, duramente bastonata dall'Olympiacos.

LA CRONACA DAL DIVANO. Più volte s’è avuto il modo di dire che questo è il Paese dove più accade quel che meno ci si aspetta. Non a caso. Un po’ ovumque. Basti vedere quel che è accaduto nell’ultima di Campionato dove la Signora abituata a mangiarsi  il panettone in [...]

2 dicembre 2019 0 commenti

Non solo sport. Hamilton, sesto titulo. La ‘rossa’ di nuovo in ambasce. Campionato, lotta solo tra due?

Non solo sport. Hamilton, sesto titulo. La ‘rossa’ di nuovo in ambasce. Campionato, lotta solo tra due? Weekend. Per il Campionato, la lotta sembra restringersi a Juve e Inter, visto che il Napoli sempre più si allontana dalla classifica. Per la moto, invece, ancora una volta poco da aggiungere : il titolo ( scontato) per Alex, fratello di ' cade non cade', il quale proprio nel weekend di caduta ne ha fatta una che a persona normale sarebbe bastata per un lungo ricovero in casa di riabilitazione; la bella vittoria del neo campione Della Porta in Moto3; le modeste prestazioni dei nostri in Moto Gp: Dovi, sul podio, dietro Vinales e Marquez, con Vale al quarto posto e Morbido al sesto. Per l'auto, c'è il sesto titolo per il re nero; mentre alla 'rossa' hanno ripreso a navigare nel buio. Non vorremmo pensare che quel ' genio' indiscusso del Binotto fosse adatto più alle sue cose tecniche che gestionali. Per le quali, tanto per indicar qualcuno, non essendoci più a far luce e ordine l'uomo col maglioncino blu, non sarebbe meglio chiedere udienza a quel bell'uomo che staziona al box delle ' frecce d'argento' , che gran macchine sono, certo, ma non Pegasi alati che volano sulle piste del mondo? Chissà, forse si sarà anche stufato ad andare in giro con quelle camicie da corsia d'ospedale sognando d'indossarne altre di rosso colorate che meglio interpretano la passione per la velocità che serpeggia sulle piste del globo? Chiediamolo. Del resto, non si dice che chiedere costa poco o nulla? Inoltre, altri due eventi: una fantastica Olimpia Milano di coach Messina che batte il Barca e s'insedia ( con Barca e Cska) in vetta alla classifica di Eurolega ( sesta giornata); Shapovalov, che regala al nostro Berrettini, 23 anni, le Finals di Londra tra gli otto maestri del tennis mondiale. Eventi da non credere. Tanto più che il basket nostrano è da anni che non centra più un risultato degno del suo passato; mentre, per quel che riguarda il ragazzo del tennis, non è che gli ultimi tornei abbia meritato di partecipare a tal consesso, per un azzurro 41 anni dopo Barazzutti. Ma tant'è. E ben l'accogliamo, anche perchè adesso abbiamo due ragioni in più per accendere il televisore, sperando ( ovvio) di non essere incappati in due miraggi nel deserto ma in due interpreti di discipline sportive che si sono date ( finalmente) una mossa.

CRONACA DAL DIVANO. XI Giornata in Campionato. Moto a Sepang, auto ad Austin. Per il Campionato, la lotta sembra restringersi a Juve e Inter, visto che il Napoli sempre più si allontana dalla classifica. Alle loro spalle, invece, furoreggia una lotta senza esclusione di colpi, per il posti Coppe e la [...]

4 novembre 2019 0 commenti

Non solo sport. Nuova ‘ disfida’ per Omero: Vale contro Marc. Mettiamoli però su un ‘mezzo’ alla pari.

Non solo sport. Nuova ‘ disfida’ per Omero: Vale contro Marc. Mettiamoli però su un ‘mezzo’  alla pari. Ad agitare l'acque basse del picciol stagno, la voce d'un ritorno del maiorchino Lorenzo in Ducati. Sembrerebbe a seguito d'una valutazione che quelli di Borgo avrebbero fatto mettendo sui piatti della bilancia i loro e gli altrui piloti, quelli ' idonei' ovviamente a far abbassare l'ale a quel catalano che sembra avere scoperto nuove leggi della fisica piuttosto che un nuovo modo di dominare gli avversari. A noi, veramente, più che un fisico, ricorda Totò al Giro d'Italia, che per vestire la rosa s'era perfino adattato a stipulare un patto diabolico con mister Belzebù. Ma tant'è. E comunque stiano le cose, una è chiara: a quello , tra quelli in gioco, non lo batte nessuno. Per noi manco l'indomabile maiorchino che ci sembra sbagliare però ( ogni volta ) i tempi d'ingresso e d'uscita sul suo lavoro. Dopo un anno di sofferenza stava per 'domare' la Desmo, eppure se n'è andato, sul più bello, senza ragione credibile, che non fosse quella ( apparente) del danaro, il quale, per chi vuol scrivere di storia, è una insidia quanto mai mortale. Come quella delle sirene che abbindolarono i compagni di Ulisse, ma non Ulisse, che d'altra pasta fatto per sfuggire alle lusinghe si fece legare ad un palo e otturare le orecchie. Comportamenti non da tutti, questi. Da personaggi omerici. Certo. E tali, comunque, non ce ne voglia il maiorchino, da non appartenergli. Manco per sbaglio. Lo spiffero ha intanto ottenuto l'effetto di demoralizzare tutti. Il buon Dovi, più d'altri. Bravo, generoso, combattente. Ma non al punto da potersi opporre ( costantemente) a ' cade non cade'. Che continua a sguazzare nello stagno felice come un putto da una pista all'altra. E se non ce la fa il Dovi a metterlo a partito figuriamoci che possono quei giovinastri come il gitano Vinales o ( al momento) il siculo (d' Oltralpe) Quartararo. Poco o nulla. Crediamo. Ma solo miraggi, che svaniscono nel breve volgere di qualche curva. Eppure uno c'è che potrebbe tentare Omero a riscrivere il suo duello immortale. Che nella prima nota stesura ha preferito mettere il lauro in capo al giovane guerriero costringendo il vecchio all'umiliazione d'essere appeso al carro e trascinato più volte senza vita attorno alle alte porte Scee. Mentre, in una seconda, visto che il mondo è nel frattempo profondamente cambiato, chissà che non gli venga voglia di rivedere l'esito? E porgere il lauro alla dolorosa sapienza del vecchio piuttosto che alla astuzia feroce del giovane? Certo è che per far questo occorre mettere i contendenti in condizioni ( almeno) di parità. Non l'uno immortale e l'altro mortale. Non l'uno forte e l'altro debole. Non l'uno su un cavallo invincibile e l'altro su un ronzino. Per farla breve: che s'aspetta a voler tentare Omero dando al Maestro di Tavullia il mezzo giusto per un'altra disfida ? Su pista, questa volta, perchè no? Lo sport non ha oggi il suo peso simbolico? Magari l'ultima per il grande vecchio, che a quarant'anni non può certo pretendere d'essere il futuro del suo sport. Quanto odor d'epica c'è in codesta agognata disfida! Eppoi, chi non vorrebbe Ettore trovar la rivincita su Achille ?

LA CRONACA DAL DIVANO. Un altro bel weekend. Estivo. Assolato. Pettegolo. Dei vari sport accenniamo più sotto, qui ci vorremmo soffermare su quanto vanno raccontando della MotoGp, l’interminabile regno ora conteso del Maestro di Tavullia che ( in questi suoi ultimi voli) costretto a cavalcare un ‘ronzino ‘ si vorrebbe  [...]

9 agosto 2019 0 commenti

Non solo sport. Di nuovo c’è una ‘ valanga azzurra’ che ci onora. Bravo Sinisa, il tuo Bologna ce la può fare!

Non solo sport. Di nuovo c’è una ‘ valanga azzurra’ che ci onora. Bravo Sinisa, il tuo Bologna ce la può fare! Altri sport. E mentre il Vale da Tavullia si prepara senza strombazzi a porre il decimo sigillo alla sua inimitabile epopea, anche la 'rossa' Ducati medita di mettere al bando quei due 'bravacci' d'Ispagna che alla maniera della coppia don Rodrigo - conte Attilio, si sono autocertificati quale dream team della moto. Forse peccando di ( periglioso) eccesso, anche perchè dalle nostre parti si dispone d'uomini e mezzi niente affatto disposti a lasciare passare il barbaro straniero senza colpo ferire. Stessa aura la si respira addocchiando l'altra nostra prodigiosa ' rossa', quella da Maranello, come sempre bella da morire, che come Marchionne chiese ( Todt o non Todt permettendo) farà di tutto per togliere dal video quei continui provocanti 'sorrisini ' entusiasti che fioriscono ( soprattutto) al termine di gare date ( obiettivamente) per perse e poi ( non si sa come) vinte. Vanessina Ferrari, reginetta della nostra ginnastica, s'è messa al collo l'oro nella prova di libera in CdM a Melbourne. Nel fondo Sprint Tc, Pellegrino e De Fabiani si sono guadagnati un bel bronzo, davanti alla Svezia. Mentre, la Brignone ha messo i suoi sci davanti alle altre nella Combinata di Crans Montana. La squadra azzurra sulle nevi, Sofia e Paris in primis, sta ritrovando così una sua marcata personalità vincente. Da autentica ' valanga azzurra'. Apre dunque il cuore leggere quella bella pagina sulla 'rosea' che mette in risalto i diversi risultati ottenuti nello sci alpino ai Mondiali di Are ( Svezia); nello snowboard in Utah ( Usa); nello sci nordico a Seefeld (Austria) e nello slittino naturale a Latzfons ( Italia).

LA CRONACA DAL DIVANO. Weekend interessante. E per alcuni versi di attesa. Soprattutto per i ritorni di Coppa che riguardano quattro squadre di calcio.  La Signora di Torino che a causa dell’attrazione  al brivido di mister Max avrà le sue  buone gatte da pelare per non farsi buttar fuori  dalla Champions [...]

25 febbraio 2019 0 commenti

Non solo sport. Coni? Molla la cassaforte! Ma, così, lo sport italiano si ‘riforma’ o si ‘incasina’?

Non solo sport. Coni? Molla la cassaforte! Ma, così, lo sport italiano si ‘riforma’ o si ‘incasina’? Ma che starebbe succedendo al vertice dello sport italiano? Nella legge di Bilancio da approvare ( si dice) entro fine anno, c'è la riforma del sistema sportivo. 'Sport e salute' sostituirà la 'Coni servizi' e avrà 370 mln ( 260 mln per le Federazioni), mentre al Coni resterebbero ' solo' 40 mln da ripartire. Si vociferava nel giorni scorsi sull'arrivo di novità importanti sul tema e queste sono arrivate. A mo' di terremoto, però, perchè di un cambio di rotta come questo in pochi avevano avuto il sentore. In pratica si (ri)passa alla gestione statalizzata dello sport nazionale. Un po' come in Francia ( che però ci sta ripensando) e in Spagna ( dove la dipendenza è dal ministero Cultura, Educazione e Sport). Con quali pro e contro? Al momento i più diretti interessati, il sottosegretario Giorgetti e il presidente Coni Malagò, se ne stanno cauti (forse) per ripensare con calma al faccia a faccia sortito qualche ora fa. Qualche Federazione, poi, sia pure ancora in fase di sbigottimento, spera, all'italiana, di ricavare un qualche tornaconto dall'epocale ritorno dello sport in mani statuali. Che dire, che pensare? Per quel che ci concerne, col solito spirito fuor di cordata, più che dei giudizi ci sentiam di manifestare un timore. Il timore che , come si va ormai facendo un po' per tutto quel che riguarda le buone cose nostrane, esempio, come per alcune grandi opere praticamente bell'e pronte ma già in procinto d'essere dismesse dalla furia irragionevole dei ' no', onde per cui ci assale il sospetto che,qui, ancora una volta, più che ad ammodernare per semplificare, ci si vada a (re)infognare nei soliti giri di parole e buone intenzioni che a tutto preludono fuorchè ad un sereno e proficuo futuro. In breve: lo sport azzurro naviga niente male ? Ma sì, incasiniamolo: sennò, che gusto c'è? Si è intanto svelato il prossimo Giro, che partirà da Bologna ( 4 arrivi in Regione, tra cui come ai vecchi tempi la cronoscalata di 34,7 km del Titano) e si concluderà all'Arena di Verona. Come nel 2010, vinto da Basso su Arroyo e Nibali. Il 22 maggio, non scordiamolo, il Giro giungerà alle ' terre di Coppi', immortale airone, il più 'grande' pedalatore di sempre. Infine, il 'ciao' commosso e senza tempo di Ponte di Piave alla sua grande Sara.

LA CRONACA DAL DIVANO. E mentre ci si rassegna ad accettare una allegra e mal ripartita  ’ combriccola’ al governo, con tanto di progetti e decreti, che nascono e muoiono dall’alba al tramonto, e che manco il cane di don Camillo appoggia, generando quindi sconforto e brutti presagi, spunta un [...]

31 ottobre 2018 0 commenti

Non solo sport. Coppe: en plein, senza le Milanesi. Marquez e Hamilton, verso l’eternità sportiva?

Non solo sport. Coppe: en plein, senza le Milanesi. Marquez e Hamilton, verso l’eternità sportiva? In questo senso il ranking Uefa è salito, e non poco, anche verso gli Angli, che questa volta nel confronto diretto ( Tottenham,Liverpool, United) hanno dovuto solo e soltanto genuflettersi. Si diceva delle Milanesi, purtroppo, aduse a glorie antiche ma incapaci di saperne meritare di nuove. La Beneamata, scesa a far presenza in campo contro il Barca, tranne una vampata ad inizio secondo tempo, ha fatto arrossire il manipolo di tifosi che s'erano portati nella bella Barcellona con ben altre speranze. Il Diavolo, poi, s'è comportato ancor peggio, contro una avversaria, il Betis, che senza offesa alcuna, poco o nulla ha fatto per portare a casa i tre punti. Semmai dovrà ringraziare il 'solito' arbitrucolo che chiudendo ( volutamente) gli occhi ( allo scadere) su un rigore clamoroso per i rossoneri, non ha fatto altro che confermare quanto ci amino quelli che designano e gestiscono gli arbitraggi Uefa. Ma tant'è, qui occorre rimboccarsi le maniche, e dopo il meraviglioso derby, soprattutto i tanti pedatori che sono riusciti a strappare rinnovo di contratto, potevano ricambiare meglio la fiducia ( non scontata) in loro riposta. Morale: all'ombra della splendida Madunina, cinesi o americani che siano, è ben ora che si diano una svegliata, anche perchè Milano non tollera più di tanto le ' mezze robe', le ' mezze calzette'. E mentre Marc Maquez è stato fatto salire nell'Olimpo, Hamilton ha da attendere qualche spicciola formalità. Curioso il fatto che, tutti, ora, non facciano altro che mettere il dito sugli errori ( veri o presunti o causati) di quel bravo ragazzo di Vettel. Che, a star sentire i nostri media, ha perfino rinnegato il suo atavico Dna, che è quello di un germano, sia pure caro e illuminato, e non già d'un latino, imprevedibile ed geniale. Forse l'abitudine a semplificare le cose saltando velocemente sanza esitazione ( e pudore) sul carro dei vincitori, contribuisce a creare situazioni imbarazzanti. E perfino ( se ben vagliate) poco attendibili. Perchè sia l'uno che latro candidato all'eternità sportiva, di 'esami' ne dovranno superare ancora, e molti. Magari più credibili di quelli sostenuti nel corso d'una annata ( per molti versi ) a loro ( semplicemente) favorevole.

LA CRONACA DAL DIVANO. Non fossero scese in campo le Milanesi, a quest’ora, dovremmo conteggiare un trionfo di Coppa: quattro su quattro! Sì, perchè anche il pareggio del Napoli ( 2-2)  altro non è che una vittoria ( morale) ‘ strappata’ ai miliardari del Psg, che dovranno venire al San [...]

26 ottobre 2018 0 commenti

Non solo sport. Torna il fantasma ‘ Operacion Puerto’. Finalmente, una ‘bella’ e ‘tosta’ Nazionale!

Non solo sport. Torna il fantasma ‘ Operacion Puerto’. Finalmente, una  ‘bella’ e ‘tosta’ Nazionale! Intanto segnaliamo la bella, inattesa e tosta Nazionale del Mancio ( finalmente) non più triste. Battuta la Polonia ( 0-1) aspettiamo il Portogallo, per decidere la prima del girone di Nations League. Ma questa volta, in aggiunta al resto, ci ha colto di sorpresa un taglio di spalla sul 'Corrierone', dal titolo ' Nado Italia analizzerà le 211 sacche di sangue'. Riferito a quell'occasione mancata dell'antidoping mondiale che, qualche annetto fa, ha attraversato come una funesta e misteriosa meteora il cielo dello sport ( soprattutto) ispanico. Sul fatto, non è molto, la corte provinciale di Madrid aveva stabilito ( bontà sua) una sorta di ' diritto all'oblio' ( in ispecie) per i clienti del ginecologo Fuentes a cui era stata indirizzata la ( famigerata e sospesa) ' Operacion Puerto'. L'Italia di Mancio il Triste s'en va a disputare un'altra finale. Con una Polska ( sconfitta dal Portogallo, 2-3) ricolma di 'italiani'. Dovesse abbassare ( ancora una volta) l'ali, ci sarebbe lo sprofondamento in Nation B; viceversa, dovesse ritornare al successo, potrà andare a contendere ai portoghesi ( già vittoriosi all'andata) il primo posto nel girone e, dunque, una concreta possibilità di qualificarsi anche al prossimo Europeo. E' ripartita col piede giusto l'Armani Milano in Champions. Continua travolgente la marcia delle ragazze azzurre al Mondiale di volley. Ora, approdate in Final six, imbattute, ma con l'incubo di superarsi. L'esperienza dei maschi insegni. Mentre, sempre per il volley maschile, va ad avviarsi il torneo più prestigioso al mondo, quello in cui 'giocansi' la miglior pallavolo del Pianeta.

LA CRONACA DAL DIVANO. Per chi s’asside su un divano non è questo un fine settimana particolarmente interessante. Tuttavia qualcosa, spulciando qua e là, si può catturare. Sempre da profani, s’intende, e comunque appassionati, sempre appassionati, per quanto va ad animare il gran mondo dello sport, lungo la Penisola ma [...]

13 ottobre 2018 0 commenti

Non solo sport. Juve e Roma: mancò la buona sorte, ma non l’onore. Parte da Israele il Giro 2018.

Non solo sport. Juve e Roma: mancò la buona sorte, ma non l’onore. Parte da Israele il Giro 2018. I Blancos, di riffe e di raffe, tornano a disputare l'ennesima finale (15a?) contro i 'Reds', che da undici anni mancano all'appuntamento con la Coppa dalle grandi orecchie. Anche loro lo fanno, guarda un po', dopo aver battuto una 'italiana', la solita italiana, a causa delle già citate ' grazie' arbitrali, che se non fossero 'selezionate' da un italiano al comando apparirebbero 'alibi' da ' popol piagnone'.E' incredibile come quei fischietti trovino sempre il ' giusto lume' per ' frenare' noi e per ' mandare avanti gli altri'. Col plauso della leggiadra Europa del pallone. Che non batte ciglio. Ma tant'è. Cominciamo anche noi a farci una idea non idealizzata del Vecchio continente. Peccato. L'importante è che ( sul campo) ci siamo. Tosti, irriducibili. A testa alta, per guardare gli altri dall'alto e non dal basso. Bello il titolo d'un quotidiano a sintesi del match della Roma contro il Liverpool : 'Mancò la fortuna, ma non l'onore'. Parte da Israele il Giro 2018. Una sede inedita, con tante incognite, ma certamente suggestiva. Del resto la più bella corsa a tappe del Mondo ha bisogno di (re)inverntarsi, ogni tanto, anche per non farsi oscurare dalla grancassa mediatica di chi punta sui danari più che sulla sostanza dell'impresa sportiva. In Israele al caro indimenticabile Gino verrà concessa la cittadinanza onoraria. In tempi non sospetti salvò 800 ebrei italiani, rischiando in proprio, e mai reclamizzando il suo generoso gesto rimasto sconosciuto ai più per molti anni.

LA CRONACA DAL DIVANO.  Dopo l’1-2 a Monaco, il 2-2 a Madrid. I Blancos, di riffe e di raffe, tornano a disputare l’ennesima finale (15?) contro  i ‘Reds‘, che da undici anni mancano all’appuntamento con la Coppa dalle grandi orecchie. Anche loro lo fanno, guarda un po’, dopo aver battuto [...]

4 maggio 2018 0 commenti

Non solo sport. Il derby della Madonnina. Decaduto quanto si vuole, ma pur sempre unico.

Non solo sport. Il derby della Madonnina. Decaduto quanto si vuole, ma pur sempre unico. Gli smemorati, quando fanno marketing per l'Altrove dimenticano che in quei derby , fiore all'occhiello di quello che per molti decenni ( come disse Matheus) era considerato un Campionato del mondo per club giocato settimanalmente, spesso e volentieri si giocava per lo scudetto tricolore. Il più prestigioso del pianeta calcio. Di scudetti Milan e (Ambrosiana)Inter, in oltre un secolo, ne hanno vinti 18 a testa. Ovvero: 36, sugli oltre 110 giocati. Praticamente, circa un terzo.

LA CRONACA DAL DIVANO.  Che bella doppia pagina quella che la ‘rosea‘ dedica ai grandi del derby di Milano! O se si vuole al derby della Madonnina, la quale  dall’alto della sua guglia domina Milan. Decaduto quanto si vuole, almeno  nell’attesa di vedere spuntare il sole d’Oriente, ma pur sempre [...]

19 novembre 2016 0 commenti

Il calcio e ( lo sport) italiano. Woorkshop a Milano, per rilanciarsi. Abete, presidente Figc: ‘ Ma non tutto è da buttare!’.

Il calcio e ( lo sport) italiano. Woorkshop a Milano, per rilanciarsi. Abete, presidente Figc: ‘ Ma non tutto è da buttare!’. Gazzetta: se non ci fossi, dovrebbero inventarti! Il workshop che ha fornito il suggello all'iniziativa ' Il calcio che vogliAmo' lo conferma. Dieci proposte+1. Il modello Juve. La stretta di mano Pallotta-Lotito.

LA CRONACA SPORTIVA. Zamparini, patron del Palermo, è stato deferito alla Disciplinare  per gli ‘insulti’ a Blatter e Platini.  Deferito anche il Palermo per responsabilità diretta. Il vulcanico presidente, secondo la ‘rosea‘, aveva attaccato Blatter per la questione del razzismo negli stadi, accusandolo di essere lui ‘razzista’ , e Platini per [...]

21 maggio 2013 0 commenti