Tag "Sacchi"

 

Fusignano. Festa di San Giovanni. Bancarelle, streghe, erbe e musica nei giardini del ‘San Rocco’.

Fusignano. Festa di San Giovanni. Bancarelle, streghe, erbe e musica nei giardini del ‘San Rocco’. La Festa di San Giovanni Battista si celebra il 24 giugno. Ad incuriosire e attirare, oltre alla giornata in sé che ha una forte valenza religiosa, è la notte che la precede, quella tra il 23 e il 24 giugno, che secondo la tradizione pagana è invece considerata la Notte delle streghe. In un intreccio di fede e credenze pagane, nella Notte di San Giovanni in molti accendono falò purificatori. L’obiettivo è scacciare le tenebre per celebrare la luce e il bene. La tradizione vuole che si brucino le erbe vecchie, si salti il fuoco per avere fortuna e si metta la sua cenere sui capelli. In molte campagne si usa ancora accendere falò e ballare per scacciare il malocchio. Altro elemento magico della notte più di San Giovanni è la raccolta delle nuove erbe. Il mazzetto secondo alcuni ne dovrebbe contenere sette, per altri nove. Queste erbe servono a scacciare il malocchio e a portar fortuna. Del mazzetto deve far parte l'iperico (erba di San Giovanni, detto anche Scacciadiavoli) contro il malocchio, ma anche l'artemisia (cintura del diavolo) per la fertilità, la ruta, la mentuccia, il rosmarino, il prezzemolo, l'aglio e la lavanda.

FUSIGNANO. Domenica 23 giugno Fusignano celebra la Festa di San Giovanni con bancarelle e iniziative che animeranno il centro. Dalle 19 nei giardini del museo San Rocco, in piazza Emaldi, saranno presenti banchetti per la vendita di prodotti erboristici e piante officinali, oltre alla cartomante Letizia Sassi. Inoltre, durante la [...]

21 giugno 2019 0 commenti

Non solo sport. Giù le mani dalla vittoria del Dovi. Giovani e pimpanti i baby azzurri del Mancio da Jesi.

Non solo sport. Giù le mani dalla vittoria del Dovi. Giovani e pimpanti i baby azzurri del Mancio da Jesi. Ora sotto con il Liechtenstein, che fa parte del 'nostro' Gruppo J con Bosnia, Grecia, Finlandia, Armenia. Si qualificano per le finali la prima e la seconda del gruppo. Allargando lo sguardo su altri eventi, non si può non sottolineare la ' conquista' dello Iuventus Stadium da parte delle ragazze bianconere che nella partita di Campionato ( davanti a 40 mila spettatori) si sono imposte 1-0 sulle concorrenti in maglia viola gigliata mettendo anche al femminile una ipoteca sullo Scudetto. E inoltre: gran prestazione per Dorotea Wierer e Lisa Vittozzi, prima e seconda nella conquista della sfera di Coppa del Mondo di biathlon. Non si sa nulla ( al momento) della ' bega' sollevata con inusuale acredine da Honda in particolare, contro le ' pinne' 'applicate alle 'rosse' di Borgo Panigale. Speriamo faccian di tutto, fuorchè togliere la sacrosanta vittoria in Qatar al meraviglioso Dovi da Frampulla. Alla mitica Sanremo, manco a dirlo, s'è imposto ( come da pronostico) Alaphilippe, il nuovo re della bici. Dal calciomercato, invece, i soliti armeggi. Con un avvocato che risolve i problemi al ginocchio di Maurino Icardi, tornato in un gruppo che se non conferma (almeno) il quarto posto Champions rischia una vera e propria moria. E tanti altri casi in via di più o meno sotterranea risoluzione. Grande curiosità generano i possibili scenari allenatori, con un Conte ed un Mourino spettri sullo sfondo ed un Sarri già con le valigie in mano per lasciare quella Premier che solo qualche mese fa ' aveva acclamato con frettolosa piaggeria'. Potrebbe accasarsi alla Roma. Tra l'altro tutta presa dalle ultime, impreviste, stucchevoli, vicende giudiziarie per quello stadio a Tordivalle, vicino e lontano quanto un miraggio in pieno deserto. Dire che in quella città, un tempo lontano, abitarono i Cesari, quelli del Colosseo, non ci crede ormai più nessuno.

LA CRONACA DAL DIVANO. E mentre si stilano classifiche sui più autorevoli mister della storia calcistica, con il nostro Arrigo terzo dietro a Michels e Ferguson, è scesa in campo per l’Europeo la baby gang azzurro del Mancio da Iesi. Autorevole, frizzante  e rapida come occorre, anche se davanti ad una [...]

20 marzo 2019 0 commenti

Non solo sport. La Ferrari cambia manico. Arriva Binotto, il ‘genio’ che ‘aggiusta’ il ‘cuore’ della ‘rossa’.

Non solo sport. La  Ferrari cambia manico. Arriva Binotto, il ‘genio’  che ‘aggiusta’ il ‘cuore’ della ‘rossa’. I vertici della 'rossa' hanno scelto: via Arrivabene, al suo posto sale Mattia Binotto. Questo assicura l'anteprima esplosa come un fulmine a ciel sereno dalla 'rosea', che sulla inedita, sorprendente, situazione si sofferma ampiamente. Intanto analizzando gli 'errori' e le 'colpe' di Arrivabene. Eppoi la necessità di affidare il ' manico' ad uno come Binotto, 49 anni, nato in Svizzera e laureatosi al Politecnico di Losanna, ma uomo d'ordine ferrarista che viene dal basso, dopo avere scalato lo scalabile. Entrato in Ferrari nel 1995, ha gioito dei trionfi dell'immenso Schumi mentre nel 2oo9 è stato nominato responsabile generale delle operazioni Motore e Kers, poi vicedirettore Motore ed Elettronica e infine direttore del reparto Power unit dal 2014, questa volta per volontà di Marchionne, che del ' cambio di manico' doveva essersi interessato per tempo visto che lo aveva scelto Bcome ' dirigente di riferimento e referente personale'. Con Binotto, Vettel, il quattro campione del mondo, e Le Clerc, l'imberbe debuttante, partiranno alla pari. Per un obiettivo comune. Il passaggio di testimone Arrivabene-Binotto potrebbe annunciare qualche altro sconvolgimento all'interno della 'rossa'. Al vertice. Ad esempio la nomina di Camilleri è stata percepita ( da molti) come provvisoria; il fatto che in fabbrica si sia intravisto ( più volte) l'ex amministratore delegato Amedeo Felisa, separatosi da Maranello nel 2016, potrebbe significare ( anche su questo versante) della mitica casa del Cavallino un ulteriore, fondamentale, aggiustamento. L'importante (ora) è che dopo quattro anni di Arrivabene in cui la 'rossa ' poteva vincere ( almeno) uno o due titoli, si torni al sul gradino più alto. Com'è naturale nel mondo delle corse, dove è il rosso il colore più amato e diffuso. La vittoria con una ( gran macchina) come la Mercedes può dare gioia, grande gioia e massima esultanza ( vedi Toto Wolff); ma, quella con la 'rossa' va ben oltre ai naturali desiderata umani. La 'rossa' è un ' sogno' planetario. Vibrante. Condiviso. Giusto trattarla come merita. Visto che sa condurre per mano all'eternità del grande sport .

LA CRONACA DAL DIVANO.  La battaglia interna alla gestione  sportiva Ferrari è finita. I vertici della ‘rossa’ hanno scelto: via Arrivabene, al suo posto  sale Mattia Binotto.  Questo   assicura l’anteprima esplosa come un fulmine a ciel sereno dalla ‘rosea‘, che sulla inedita, sorprendente,  situazione si sofferma ampiamente. Intanto analizzando gli ‘errori‘ [...]

7 gennaio 2019 0 commenti

Non solo calcio. Sul Gigio, l’Arrigo contro legittimisti e mercantilisti. Inizia l’avventura dell’Under 21.

Non solo calcio. Sul Gigio, l’Arrigo contro legittimisti e mercantilisti. Inizia l’avventura dell’Under 21. ' Ho sempre pensato - dice l'Arrigo - che il valore della persona fosse fondamentale per ingigantire il proprio talento. A proposito di persone stimavo Gigio come ragazzo e come giocatore, ma sono rimasto stupido dalla mancanza di riconoscenza verso il Milan. Questa sua decisione mi fa sorgere dubbi non soltanto sulla sua integrità umana, ma anche sulla sua futura carriera. Gli ricordo che tutti quelli che hanno privilegiato i soldi ( cvd), come fecero ad esempio Kakà e Scheva che lasciarono ( anche loro) il Milan per il Real Madrid e per il Chelsea, poi se ne sono pentiti amaramente'. Condividiamo, ovviamente, mentre per quel che riguarda i 'bacucchi' mediatici sarebbe ora di cominciare a pensionarli; mentre per quel che riguarda gente alla Dani Alves, pur ampiamente titolata, ci stiamo chiedendo se non sia meglio ( per noi, per loro) rispedirla entro il dimenticatoio in cui ben alloggiava. Con tanto di baci e abbracci.

LA CRONACA DAL DIVANO. Donnaruma a 18 anni snobba il Milan dei suoi ( ex) sogni; Ronaldo ( stizzito per via di alcune indiscrezioni non gradite su   vertenze fiscali ) vuole lasciare a 32 anni mamma Real, campione di tutto; Verratti,  27, s’è stufato  ( finalmente)  del Psg e [...]

17 giugno 2017 0 commenti

Non solo sport. Capello: ‘ Non corriamo. Vogliamo darci una mossa?’. Già, una mossa, ma come?

Non solo sport. Capello: ‘ Non corriamo. Vogliamo darci una mossa?’. Già, una mossa, ma come? I guadagni dei procuratori. Secondo uno studio della Fifa negli ultimi quattro anni ( gennaio 2013-novembre 2016) i ( cosiddetti) procuratori hanno raggiunto il miliardo di euro di fatturato attraverso intermediazioni nei trasferimenti dei giocatori. Un giro d'affari enorme e che non accenna ad arrestarsi. Anzi. Nel 2016, ad esempio, s'è registrato un incremento del 34%. da sottolineare che la Seria, pur tanta (sbandierata ) povertà, s'è posizionata subito dietro alla Premier nella classifica dei campionati più remunerativi per gli agenti. Pensate, insieme, essi rappresentano il 58% degli onorari dei ( cosiddetti) procuratori.Al momento, ci accontentiamo di una sola domanda: ' cui prodest ' tanto 'fiume' di denaro?

LA CRONACA DAL DIVANO (  1 dicembre 2016). Con la ‘benedizione’ di Capello, 70 anni, ex grande  ‘invenzione’ del Berlusca e ora opinionista a tutto campo, che  continua a sparare verità dal suo pulpito ( avremo modo di dedicargli qualche nostro pensiero), ci approssimiamo al mese ‘terribile’. Visto che tra Coppe e campionato non ci sarà [...]

1 dicembre 2016 0 commenti

Notizie non solo di calcio. Juve padrona, Milan ( inutilmente) a testa alta. Salgono Roma e Napoli.

Notizie non solo di calcio. Juve padrona, Milan ( inutilmente) a testa alta. Salgono Roma e Napoli. Rialziamoci. Tramite i nuovi stadi, che abbiamo (ri)cominciato a progettare. E a costruire, nonostante una folta genia di rompiballe. Ma avviando la rinascenza ( non svendendo ) un prezioso passato. La 'rossa', Vale, lo sci e tant' altro ancora.

LA CRONACA DAL DIVANO. Se uno sbircia l’almanacco e controlla che hanno fatto in vita loro Chelsea e City, al momento, prima e seconda di quel calcio che conta  celebrato dal nostro Raiola, scopre che ( salvo ns abbagli)  in due hanno vinto una sola  Champions ( Chelsea, dell’altra manco [...]

8 febbraio 2015 0 commenti

Notizie non solo di sport. Italiane con l’Europoker. L’Alonso, verso l’ addio alla ‘rossa’. Al suo posto Vettel?

Notizie non solo di sport. Italiane con l’Europoker. L’Alonso, verso l’ addio alla ‘rossa’. Al suo posto Vettel? Perchè, davanti ai nostri storici risultati sui campi, i nostri geni, prima ancora di avviare le loro omelie, non tentano di spiegarci, semplicemente, giudiziosamente, come facciamo noi a vendere 117 milioni di diritti televisivi esteri contro gli oltre 700 dei britannici ?

LA CRONACA DAL DIVANO. Allora è fatta: il nostro Nando ci lascia. Per andar dove ancora non si sa. Mentre appare certo l’arrivo di Vettel, quadricampione del Mondo, alla ‘ rossa‘.  In una annata dominata dalle Mercedes ( ancora prime, nelle prime libere di Suzuka). Tengono botta le ragazze del [...]

3 ottobre 2014 0 commenti