Tag "santarcangelo d/r"

 

Santarcangelo d/R. Alla ‘Pascucci’ i fondi per riacquistare le attrezzature informatiche rubate nella notte.

Santarcangelo d/R. Alla ‘Pascucci’ i fondi  per riacquistare le attrezzature informatiche rubate nella notte. 'In attesa di ricevere dalla direzione didattica la stima definitiva del valore della strumentazione sottratta – commenta il sindaco Alice Parma – la Giunta comunale si rende disponibile a stanziare immediatamente l’importo necessario a riacquistare i computer e i tablet sottratti dalle aule della scuola. Al di là del valore delle attrezzature informatiche, che comunque non è di poco conto – aggiunge il sindacoParma – ciò che più ha colpito la sensibilità di parecchie persone è il fatto che ragazzi e insegnanti siano stati privati di strumenti ormai diventati di uso comune nella didattica quotidiana, necessari anche per utilizzare le lavagne interattive multimediali e i registri di classe elettronici'. Inoltre, visto che in tanti si sono fatti avanti per proporre una raccolta di fondi, l’Amministrazione comunale è fin da subito disponibile a sostenere le iniziative di associazioni o gruppi di cittadini. Non solo per rimpiazzare il materiale sottratto, ma per incrementare ancora di più la strumentazione a disposizione della scuola, affinché un’azione così deprecabile riceva come risposta la miglior solidarietà di cui Santarcangelo è capace.

SANTARCANGELO d/R. La Giunta comunale mette a disposizione della scuola elementare Pascucci i fondi necessari per acquistare le attrezzature informatiche rubate l’altra notte. “In attesa di ricevere dalla direzione didattica la stima definitiva del valore della strumentazione sottratta – dichiara il sindaco Alice Parma – la Giunta comunale si rende [...]

31 gennaio 2019 0 commenti

Santarcangelo d/R. La mitica esperienza del ‘ Circal de giudèizi’.

Santarcangelo d/R. La mitica esperienza del ‘ Circal de giudèizi’. La Santarcangelo di quegli anni amava la vita all’aperto. In piazza. Al bar. Dove uno prendeva un sedia e l’altro gli sedeva accanto. Nello stesso periodo, abitano in città ‘presenze’ importanti, come Augusto Campana, storico della cultura ed epigrafico di valore mondiale; l’attrice di teatro, cinema e televisione e insegnante di recitazione Teresa Franchini, antagonista di Eleonora Duse, e l’ attore Paolo Carlini, dalla enorme popolarità televisiva nazionale. A questo punto non è agevole distribuire ruoli e meriti all’interno del gruppo. Anche perché la partecipazione è corale. Certo è che alcuni, come sempre accade nelle dinamiche sociali, si differenziano. Caratterizzandosi. Per la loro energia, creatività, carisma. E qui il riferimento va a trasferirsi in particolar modo sulla figura di Tonino Guerra, rientrato dal periodo di prigionia in Germania, che prende a pubblicare poesie in dialetto. Una oralità affascinante, la sua, che alimenta la teatralità. Già anticipata da un ‘ipersocializzatore’ ( lo definisce Rina Macrelli) come il conte Lele Marini, organizzatore di eventi, rappresentazioni sceniche e altro ancora. Tonino Guerra convince Vespignani a trasferirsi da Roma a Santarcangelo. La sua incidenza ( soprattutto) sui pittori sarà notevole. Tramite Vespignani arriva in città anche Elio Petri. Contribuendo a dar corpo al progetto di ‘Nasce un campione’, un filmato ( 35 mm, bianco/nero, durata 11 minuti) da ‘girare’ a Santarcangelo e dintorni.

SANTARCANGELO d/R. La ‘ casa del tempo’ santarcangiolese  ha alimentato negli anni interessi e talenti diversi. Alcuni con riscontri notevoli. Di portata non solo locale. Il riferimento nella circostanza va agli ambiti culturali ed artistici. Ed è infatti proprio ad uno di questi ambiti che va ascritta  la mitica esperienza [...]

23 gennaio 2019 0 commenti

Santarcangelo /R. Servizio civile nazionale: bando 2018/2019. Domande entro il 28 settembre.

Santarcangelo /R. Servizio civile nazionale: bando 2018/2019. Domande entro il 28 settembre. 'Biblioteche: piazze del sapere' è la proposta che della biblioteca comunale, che si rivolge a tre volontari interessati ad attività di informazione, promozione e valorizzazione della Baldini e dei servizi offerti ai cittadini, in particolare per ciò che riguarda la diffusione del piacere della lettura. 'I musei: valorizzazione e fruizione del patrimonio cittadino' è invece la proposta dei musei comunali, rivolta a due volontari. Un progetto che parte dalla consapevolezza che la crescita culturale dei giovani non possa prescindere dalla fruizione del patrimonio storico-artistico: l’obiettivo è dunque quello di migliorare l’accessibilità e la fruibilità dei musei, nonché l’offerta didattica per le scuole. Anche quest’anno l’Unione di Comuni Valmarecchia aderisce al servizio civile nazionale con il progetto 'Minori insieme', che nell’ambito dei Servizi sociali mette a disposizione dodici posti di cui due per il polo di Santarcangelo.

SANTARCANGELO d/R. È stato pubblicato pochi giorni fa il bando 2018/2019 del Servizio civile nazionale. Fino alle ore 18 del 28 settembre tutti i giovani di età compresa tra 18 e 29 anni non compiuti possono dunque presentare la propria candidatura per uno dei progetti di questa edizione. Un vero [...]

24 agosto 2018 0 commenti

Grande e piccola storia. Religiosi romagnoli a Roma all’epoca di Clemente XIV. La ‘fine’ dei Gesuiti.

Grande e piccola storia. Religiosi romagnoli a Roma all’epoca di Clemente XIV. La ‘fine’ dei Gesuiti. Papa Ganganelli è stato 'avvelenato ' o no? Il dottor Saliceti nel febbraio del 1769, con un pizzico di buon senso, cercò di dipanare il mistero: “ In quei giorni il caldo a Roma era grande e soffiava lo Scirocco, il quale tanto influisce a produrre e moltiplicare velocemente le corruttele”. Da allora, non è stato aggiunto altro di significativo per far completa luce sulla fine di papa Glemente XIV.Anche perché ( al di là delle note di cronaca ) ad avere catturato grande attenzione sul personaggio sono stati il comportamento e le idee espresse da lui e dalla ( ristretta) cerchia di ‘amici’ romagnoli, a conservare una loro ( innovativa ) attualità. Dell’aspro ‘scontro’ che ‘inquietò’ la Chiesa universale nella seconda metà del Settecento sono giunti ‘strascichi’ e ' ombre' fin ai giorni nostri. Basta andare a scovarli, per soffermarsi. E coglierne lo spirito. Lo stimolo. L’indirizzo. Per molti versi ancora in grado di farci discutere. E per scoprire che anche in una comunità (apparentemente) ai margini della grande storia, in realtà, quel suo soffio s’avverte, eccome. Mai spegnendosi, infatti. Anche se da decifrare ( o ricostruire) attraverso la scarna dicitura di una ( sempre più) scolorita targhetta stradale.

SANTARCANGELO d/R. Sulla ariosa piazza Ganganelli  poco o nulla c’è da dire o da aggiornare. Semmai questa può essere l’occasione per completare un prezioso  ‘ recupero storico-culturale’  già avviato, qualche numero fa, su questo giornale,  con   Planco, Ruggeri e Amaduzzi. Alle loro persone, tramite una valutazione complessiva, il comune di Santarcangelo [...]

27 luglio 2018 0 commenti

Santarcangelo d/R. In tanti ad inaugurare la rinnovata Pescheria comunale di via Cesare Battisti.

Santarcangelo d/R. In tanti ad inaugurare la rinnovata Pescheria comunale di via Cesare Battisti. Il coraggio di andare incontro al cambiamento senza perdere di vista le radici salde che caratterizzano la città è alla base della trasformazione della storica pescheria comunale in un piccolo mercato coperto, che consolida la sua vocazione commerciale traghettandola verso nuove prospettive. Vivere il centro di Santarcangelo a piedi per riabituarci ai negozi di vicinato e all’incontro non ci deve spaventare – ha in sostanza concluso il sindaco – anzi dev’essere uno stimolo per realizzare ancora di più i principi della Cittaslow. Dopo il taglio del nastro, il pubblico ha potuto assaggiare le specialità offerte dai produttori prima del brindisi augurale, visitando la pescheria rinnovata a seguito dei lavori di riqualificazione eseguiti nello storico edificio. In particolare, sono stati portati a termine l’adeguamento degli impianti elettrico e idraulico, la verniciatura di cancelli e inferriate, l’imbiancatura dei banchi, il montaggio di zanzariere, pannelli in plexiglass satinato, immagini storiche della pescheria e insegne degli operatori economici, oltre al ripristino della targa commemorativa in marmo sulla facciata.

SANTARCANGELO d/R. Si è svolta nel pomeriggio di lunedì 23 luglio, alla presenza di un numeroso gruppo di cittadini e famiglie, l’inaugurazione del piccolo mercato coperto di via Battisti, dopo il rinnovamento della storica pescheria in seguito al bando promosso dall’Amministrazione comunale per ampliare l’offerta di prodotti alimentari con tre [...]

25 luglio 2018 0 commenti

Gambettola. ‘Cirque Bidon’ in tour. Una tappa in programma anche al parco ‘Fellini’ ( dal 7al 10 luglio).

Gambettola. ‘Cirque Bidon’ in tour. Una tappa in programma anche  al parco ‘Fellini’ ( dal 7al 10 luglio). Gli spettacoli si tengono alle ore 21.30. I biglietti sono disponibili in prevendita su Vivaticket.it e in vendita sul posto nelle sere dello spettacolo. Il circo più poetico che abbia mai calcato le strade della Romagna porterà la sua incredibile carica di libertà e passione, incantando lungo il cammino tutti coloro che vorranno entrare nel suo magico mondo, seguendo le sue carrozze trainate da cavalli. Testimone di una scelta di vita controcorrente, la compagnia Cirque Bidon, guidata da François Rauline (detto François Bidon) porterà in scena, o meglio 'in pista', lo spettacolo Entrez dans la danse!, lanciando in orbita i sogni del pubblico e degli attori. Un viaggio in cui il teatro si mescola alla danza e al circo, la comicità alla poesia. Canzoni, coreografie, scene di mimo, illustrazioni con immagini insolite, inaspettate: tutto in scena contribuisce a creare un’atmosfera unica, in cui questioni metafisiche trovano una risoluzione circense e si risponde a domande esistenziali in modo semplice e divertente. La regia è dello spettacolo è di François Rauline. Lo spettacolo è realizzato con il sostegno della DRAC Centre-Val de Loire, la Région Centre-Val de Loire e il Centre des monuments nationaux.

Gambettola  – Dopo lo straordinario successo del tour estivo 2016, ATER – Ass. Teatrale Emilia Romagna, con il Festival tutti matti per Colorno e Teatro necessario, riporta nel nostro Paese il mitico Cirque Bidon, una delle compagnie che hanno maggiormente contribuito alla nascita di quello che oggi si configura come [...]

4 luglio 2018 0 commenti

Personaggi. Federico Moroni, santarcangiolese, maestro del colore della Romagna del Dopoguerra.

Personaggi. Federico Moroni, santarcangiolese, maestro del colore della Romagna del Dopoguerra. Un artista (inizialmente) attratto dal neorealismo, trascorso poi con sofferenza, e ( in seguito) arricchito da numerosi altri interessi: verso Kafka, ad esempio, per la parte letteraria; ma anche verso i ragazzi del Portonaccio, per la parte pittorica, con i De Pisis, Morandi, Vespignani; e, andando a ritroso nel tempo, verso il concittadino Guido Cagnacci, capace ( per lui) come pochi altri di dipingere con magistrale naturalezza “ fiori a cespo entro il collo del fiascone scocciato e spagliato”. Sul personaggio Moroni s’è cimentato con grande acume Luca Cesari, che è anche l’autore della prefazione di ‘Ricordi e amnesie’, un testo poco noto al pubblico, uscito nel maggio 1999, ma indispensabile per una approfondita conoscenza dell’artista santarcangiolese. In ‘Ricordi e amnesie’, avverte Luca Cesari, Moroni “ha tirato fuori di dentro” tutto quello che, nella vita, gli è stato più caro: da Armstrong allo spiritello Gni, al giardino di Bob. Affetti capaci di raccontare “ in modo giocondo ed arguto, la sua amicizia per gli uomini e per gli oggetti”. Il tutto tramite episodi, aneddoti, boutades, confessioni, ritratti.

SANTARCANGELO DI ROMAGNA. Federico Moroni, santarcangiolese, è un maestro del colore della Romagna del Dopoguerra. Un artista (inizialmente) attratto dal neorealismo, trascorso poi con sofferenza,  e ( in seguito)  arricchito da numerosi altri interessi: verso Kafka, ad esempio, per la parte letteraria; ma anche verso i ragazzi del Portonaccio, per [...]

1 giugno 2018 0 commenti

Santarcangelo d/R. Libri: Donatella Di Pietrantonio presenta ‘L’Arminuta’ in Biblioteca (ore 21).

Santarcangelo d/R. Libri: Donatella Di Pietrantonio presenta ‘L’Arminuta’ in Biblioteca (ore 21). Il primo incontro 2018 della tradizionale rassegna 'Suggestioni d’autore' ha portato a Santarcangelo una delle scrittrici italiane più rappresentative. L'Arminuta: ci sono romanzi che toccano corde così profonde, originarie, che sembrano chiamarci per nome. È quello che accade con L'Arminuta fin dalla prima pagina, quando la protagonista, con una valigia in mano e una sacca di scarpe nell’altra, suona a una porta sconosciuta. Ad aprirle, sua sorella Adriana, gli occhi stropicciati, le trecce sfatte: non si sono mai viste prima. Inizia così questa storia dirompente e ammaliatrice: con una ragazzina che da un giorno all’altro perde tutto – una casa confortevole, le amiche più care, l’affetto incondizionato dei genitori. O meglio, di quelli che credeva i suoi genitori. Per 'L'Arminuta' (la ritornata), come la chiamano i compagni, comincia una nuova e diversissima vita. La casa è piccola, buia, ci sono fratelli dappertutto e poco cibo sul tavolo. Ma c'è Adriana, che condivide il letto con lei. E c'è Vincenzo, che la guarda come fosse già una donna. E in quello sguardo irrequieto, smaliziato, lei può forse perdersi per cominciare a ritrovarsi. L'accettazione di un doppio abbandono è possibile solo tornando alla fonte a se stessi. Donatella Di Pietrantonio conosce le parole per dirlo, e affronta il tema della maternità, della responsabilità e della cura, da una prospettiva originale e con una rara intensità espressiva. Le basta dare ascolto alla sua terra, a quell’Abruzzo poco conosciuto, ruvido e aspro, che improvvisamente si accende col riflesso del mare.

SANTARCANGELO D/R. Il ricchissimo programma di eventi del mese di febbraio alla Biblioteca Baldini si conclude martedì 27 febbraio con un incontro da non perdere: alle ore 21, infatti, Donatella Di Pietrantonio presenta il suo romanzo ‘L’Arminuta‘, vincitore del Premio Campiello 2017, in dialogo con Emiliano Visconti.  Il primo incontro 2018 [...]

26 febbraio 2018 0 commenti

Santarcangelo d/R. Fotografi: raccogliere e salvare immagini e valori della ‘casa del tempo.

Santarcangelo d/R. Fotografi: raccogliere e salvare immagini e valori della ‘casa del tempo. Nel 1863, Julie Margaret Cameron, poco dopo avere ricevuto in regalo dalla figlia una ‘apparecchiatura completa per la fotografia’ divenne, lei, la ‘madre fondatrice’ dell’arte fotografica. Caso volle che alla fine dello stesso decennio, un’altra donna, Lucrezia, santarcangiolese, moglie di Elia Gallavotti archivista comunale, in un centro di provincia avviasse uno studio fotografico specializzatosi in breve in ritratti formato ‘carte da visita’ per signore e signorine, gentiluomini e non, bimbi e famigliole al completo, montati su eleganti cartoncini con la stampigliatura: ‘ Lucrezia Gallavotti, fotografa in Santarcangelo’. La vicenda di Lucrezia Gallavotti e delle sue figlie mostra connotati interessanti e, per molti versi, straordinari. Di certo da porre sullo stesso piano di quelli d’altri ‘fotografi’ cittadini, come Francesco Giovanelli ( 1859-1923) che operò in città dal 1870 al primo decennio del Novecento; Augusto De Girolami ( 1889-1972), che scattò numerose ‘testimonianze’ dagli anni Venti agli anni Sessanta; Giulio Giulio senior, padre di Giulio junior, clarinettista e avviato fotografo. Tra gli altri, i Turci operarono a Santarcangelo in ambiti diversi per molti decenni: negli anni Venti, ad esempio, Giulio Turci senior in società con Caio Carlini, inaugurò la sala ‘Eden’, ovvero il primo, mitico, cinematografo cittadino. Chiude la lista dei fotografi santarcangiolesi il ‘grande’ Umberto Macrelli, che ‘ cercò di accumulare, salvare e valorizzare, una mole incredibile di immagini’ a partire dagli anni Sessanta fin alla sua morte.

SANTARCANGELO d/R. Raccogliere e salvare  immagini e valori della ‘casa del tempo’. “ Poche città romagnole possono vantare un patrimonio fotografico pari per quantità e qualità a quello accumulato da Santarcangelo”   sottolinea con una punta di orgoglio  la contro copertina di ‘Santarcangelo di Romagna e la sua gente’, libro fotografico [...]

28 dicembre 2017 0 commenti

Santarcangelo d/R. Il mistero degli ipogei. Scavati per praticare il culto del dio Mitra?

Santarcangelo d/R. Il mistero degli ipogei. Scavati per praticare il culto del dio Mitra? Nel Dopoguerra, Pedretti riuscì ad attirare così tanto interesse sulle ‘grotte’ fin al punto da far approdare a Santarcangelo, il 17 giugno 1954, nientemeno che il Consiglio superiore delle Antichità e Belle arti, composto da eminenti studiosi nazionali. Agli studiosi italiani s’aggiunsero ( successivamente) gli archeologi olandesi. Probabilmente, oggi, per il Cavaliere, quei riposti, umidi e bui angoli di storia sotterranea, andrebbero illuminati con ‘luci’ e ‘argomenti’ diversi da quelli al momento usati; soprattutto, andando oltre alla diffusa convinzione che trattasi soltanto di accessi a cantine e ripostigli per cercare di meglio reperire invece, oltre alle testimonianze storiche e archeologiche, anche le tante persone ( monaci o altri, non sappiamo) che li hanno ‘ progettati’ e ‘scavati’ ma soprattutto ‘vissuti’, a partire da epoche remote finanche all’ultimo passaggio del fronte nel corso della Seconda guerra mondiale.

SANTARCANGELO d/R. Quanto ha detto e fatto per Santarcangelo il cav. Luigi Renato Pedretti  è cosa nota solo a quelli d’una certa età. E pensare che il Cavaliere, nel primo Dopoguerra,  fu un personaggio di grande spessore e rilevanza non solo cittadina. Per chi voglia ripercorrere quegli anni, infatti, non [...]

25 settembre 2017 0 commenti