Rimini. Valorizzare l’arco d’Augusto. Con lavori di restauro per l’antica porta di ingresso alla Città.

Rimini.  Valorizzare l’arco d’Augusto. Con lavori di restauro per l’antica porta di ingresso alla Città. Un intervento di pulitura, ristrutturazione e manutenzione che permetterà di esaltare la bellezza di uno dei monumenti di maggior valore storico e artistico della città e che si inserisce nel programma di valorizzazione che l’Amministrazione comunale sta completando nel Borgo di San Giovanni, antico quartiere cittadino che si sviluppa dall’Arco lungo via XX Settembre. Il progetto è stato presentato dal sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, dall’assessore ai Lavori pubblici Mattia Morolli e dalla soprintendente Federica Gonzato. Il progetto di valorizzazione dell’arco d’Augusto è uno dei dodici interventi finanziati attraverso il 'Fondo per la tutela e la valorizzazione degli archi romani' assegnato dal direttore generale Archeologia, belle arti e paesaggio alla Soprintendenza per un investimento complessivo di 30mila euro. L’ arco di Augusto fu edificato nel 27 a.C. in onore di Cesare Ottaviano Augusto ed è il più antico degli archi romani conservati nell'Italia settentrionale. L’Arco, ad unico fornice, segna l’ingresso alla Città per chi proviene dalla Flaminia, la via tracciata dal console Flaminio nel 220 a.C. per collegare Roma a Rimini. Fu eretto come porta onoraria, per esprimere la volontà del Senato di celebrare la figura di Ottaviano Augusto, così come manifestato dall'iscrizione posta sopra l'arcata.

    RIMINI. Ad oltre vent’anni dall’ultimo intervento, l’arco d’Augusto torna ad essere oggetto di un importante lavoro di restauro. Da secoli tra i simboli identitari di Rimini, l’antica porta di ingresso della città sarà al centro di un progetto di valorizzazione, frutto di un accordo che vede il comune [...]