Tag "sport"

 

Non solo sport. Calcio: espulsi dalla Champions e le omelie dell’Arrigo. Politica: via Draghi, chi al timone?

Non solo sport. Calcio: espulsi dalla Champions e le omelie dell’Arrigo. Politica: via Draghi, chi al timone? ( Roma a parte) ci hanno espulso dall'Europa del calcio. E come sempre nelle grandi occasioni, dai mille pulpiti nostrani giungono non difese ma omelie, o meglio, paternali, che insistono sui nostri inderogabili difetti, sulle nostre strutturali mancanze, sulle nostre inguaribili inferiorità. Una sorta di razzismo occultato. Ma è davvero col cilicio che dobbiamo cercare la soluzione dei nostri rebus, o c'è altro da fare ? Magari, una volta per tutte Le omelie dell'Arrigo sono note. Non fanno più colpo. Anche se, a modo loro, ci mancherebbe, qualche fondamento ce l'anno. Nell'ispecie, innovare, quando è necessario, resta un buon suggerimento. Prezioso, se tempestivo e condiviso. Ma sta qui la soluzione dei nostri rebus? Andiamo allora sulla Dea del Gasp: ebbene, se non è entrata nelle otto regine è perchè s'è trovata di fronte un Real Panda inatteso o perchè non le hanno consentito di esprimere tutto quel sapeva fare? Tutto quello che poteva fare ? Nell'andata gli hanno buttato fuori ( con invisibile, sapiente, taglio chirurgico) un elemento chiave del suo gioco nel primo quarto d'ora, costringendola a giocare per 80 minuti in dieci contro undici, finendo ( ovviamente) con l'incasso di un gol che ( nelle Coppe) vale doppio. Nel ritorno, dopo un ulteriore ingenuo svantaggio, gli hanno appioppato un rigore che, chissà se fischiato a campi invertiti, nei fatti ha definitivamente seppellito i meriti di una squadra che più che apprendere stava insegnando, al Real. Il quale, nel ritorno, da navigato allievo qual è, altro non ha inventato che l'atavico darsi da fare. E del resto quale alternative aveva ? Eppoi, se dalla Dea migriamo sull' Incompiuta notiamo che, sia pur per quel poco che meritava, un rigore nel finale della partita d'andata poteva anche pretendere, mutando i termini della disfida. E ancora, che dire di quel ( bellissimo) gol di Kessie nell'andata allo United, ora lui avanti e il Milan fuori ? Andemm innanz, o no, visto che l'elenco è lungo e annoso? Anche perchè chiara ormai appare la lectio magistralis che ci impartisce questa Europa di nobili spendaccioni ( City, Psg) e indebitati ( Real, Barca, United). Una lezione dove, per ottenere risultati, prima d'ogni altra cosa, occorre essere rispettati. Rispettati come meglio conviene. Soprattutto in quegli impercettibili, sottovalutati, attimi che decidono le sorti d'una disfida. Tentativo che alle squadre italiane non riesce più. Tanto che al danno aggiunge la beffa, visto che a designare arbitri sono italioti al servizio altrui. Conservati sul pezzo da dirigenti nostrani che più patetici e modesti sono dei polli del Tramaglino. Benedetti tutti dai pontificatori a chiodo fisso. E coperti da tutti quei lavaceci che s'affollano ( imperterriti) qua e là in pertugi vari, portando solo acqua fresca agli orticelli altrui. Ascoltarli è come entrare in un negozio dove il proprietario invece che illustrare la merce sua suggerisce al cliente : ' Ma che viene a fare qui, c'è tant'altro di meglio, altrove, in altri negozi, in altri borghi, e che s'attarda qua? '. E se cotanto è vero ( come appare sempre più vero ) a che servono i corsi d'aggiornamento, la cultura e le amenità varie? Infine, ai giornalisti spagnoli, poco colti e molto imberbi, che ci 'vedono' un 'pais' antico innamorato dell'antichità, altro non ci sovviene che questo: ' Certo che ci è difficile dimenticare il nostro passato, tanto importante, universale e attuale qual è ! Senz'altro per voi guardare indietro è esercizio assai più semplice, visto che al massimo vi toccano quattro o cinque secoli, peraltro in buona parte già passati in cavalleria'.

LA CRONACA DAL DIVANO. ( settimana dal 20/21 marzo). E’ il turno di una Sanremo da ‘super’. Sala che probabilmente non vede l’ora di lasciare le cose come stanno, chiede: ‘ San Siro? Zhang ci dica chi guiderà il Club‘. Anche i maghi vanno in pensione, sta volta tocca a Mou [...]

20 marzo 2021 0 commenti

Non solo sport. Volete ridere: nessuna italiana in Champions ! Ciclo inglese: un fenomeno al testogel?

Non solo sport. Volete ridere: nessuna italiana in Champions ! Ciclo  inglese: un fenomeno al  testogel? ' Abbiamo vinto barando?' si chiedono mogi e sorpresi i conterranei del più scapigliato premier d'Occidente. Se non fosse per un certo pudore, potremmo anche rispondere che sì, si è barato. E comunque, qualche giorno fa, il Daily Mail ha scritto ' c'erano da tempo crepe nell'edificio della British Cycling. Ora però il tetto è crollato'. Il Telegraph parla di ' reputazione in frantumi', mentre il Guardian di ' vicenda triste'. Il tutto mentre sir Dave Brailsdorf, gran capo Ineos( ex Sky), tace. Per ora. Nonostante gli inviti ( clarissimi) alle dimissioni. Il Consiglio generale dei medici britannici ha condannato Freeman per acquisto di ' testogel, una forma di testosterone, sapendo o credendo che destinato ad un corridore ( non identificato)'. Freeman, tra 2009 e 2015, è stato medico di Sky e della nazionale britannica, e ha poi lavorato per la Federciclismo britannica, fino al 2007. l velodromo di Manchester era il centro del mondo del pedale. Qui si lanciò l'idea di far esplodere il ciclismo nazionale con i soldi della lotteria nazionale. Missione compiuta: 8 ori a Pechino, 8 a Londra, 6 a Rio, più 6 Tour dal 012 al 2018. Il simbolo di questa superpotenza era Wiggins, 4 ori olimpici, 6 Mondiali su pista, primo britannico a vincere il Tour, nominato sir dalla regina. Freeman aveva riconosciuto, in una udienza, che il pacchetto consegnato a Manchester nel 2011 un pacchetto di 30 bustine di Testogel. Inutile procedere. Sembrerebbe però che scheletri nell'armadio della regina ce ne siano tanti. Intatti. Recenti e intatti. Al punto che quelli che volevano presentarsi Pianeta come ' più bianchi del bianco' restano tutti liberi e giocondi. A copertura di uno sport, ciclo e perchè no anche della pelota, che di dubbi ne ha sempre sollevati tanti. L'Armani Basket invece si giocherà il primato in Champions con il Barcellona. Hanno volato quei fenomeni della Tirreno Adriatico, con trionfo di Podgcar, con vista sulla monumentale Milano-San Remo. Stanno provando quelli della moto e dell'auto. Nella moto s'attende il ritorno di Marquez, annunciato, nelle auto si cerca di capire qual gioco sta giocando l'Hamilton che di titoli ( finche Toto gli cura il tergo) ne può vincere fin venti, anche iniziando la sua stagione dalla tarda estate. Nel volley, si verso finali tutte azzurre. In Champions nulla da fare per le nostre. In un modo o nell'altro, sospetto e lecito o meno, non importa, si va fuori e basta. Tanto che non si potrebbe cominciare a pensare di togliere da tanto inutile ludibrio lo nostro ingombro e fare come facevano gli inglesi prima di accettare la Rimet? Ovvero, lasciar ( a chi crede) concorrere a scegliere la regina di Champions per poi sfidarla noi, con la meglio delle nostre, in una disputa a parte? Le qualificate, Manchester City, Chelsea, Liverpool, Bayern, Dortmund, Real, Psg e Porto, verso la finale di Istanbul del 29 maggio. Tre inglesi, due tedesche, una spagnola, una francese, una portoghese. E nessuna italiana. Non è una barzelletta, ma la composizione dei quarti di finale della Champions.

LA CRONACA DAL DIVANO. ( settimana dal 15 marzo)  Luna rossa stavolta ha fallato. Nella settima e ottava regata qualche errore di troppo non ha invogliato Eolo,  il dio dei venti, ad andargli in soccorso. E gli altri, soprattutto nella ottava, distanziati ormai di 2,5 chilometri e dunque senza più speme alcuna, hanno ritrovato [...]

18 marzo 2021 0 commenti

Non solo sport. Finisce qui il bel volo di Luna rossa. Champions: un disastro totale. Tornano auto e moto.

Non solo sport. Finisce qui il bel volo di Luna rossa. Champions: un disastro totale. Tornano auto e moto. Luna Rossa. Nella settima e ottava regata qualche errore di troppo non ha invogliato Eolo, il dio dei venti, ad andargli in soccorso. E gli altri, soprattutto nella ottava, distanziati ormai di 2,5 chilometri e dunque senza più speme alcuna, hanno ritrovato il soffio propizio che gli ha consentito di recuperare un divario altrimenti impossibile da colmare. Fatto è che nel conteggio si è passati da due match point di Luna ad un problematico 3-5 a favore dei Kiwi. Inoltre, nella nona, la Luna dopo aver condotto fino al quarto gate, s'è andata a seppellire in un buco di non vento con pancia in acqua. La decima è stata rinviata per scarso venticello. Per la undicesima, poi, non c'è stata storia. Si è dunque esaurito così, con qualche errore di troppo, il bel volo di Luna rossa. Torna sulla pista la nostra Sofia. Regina della discesa. L'Armani Basket invece si giocherà il primato in Champions con il Barcellona. Hanno volato quei fenomeni della Tirreno Adriatico, con trionfo di Podgcar, e vista sulla monumentale Milano-San Remo. Stanno provando quelli della moto e dell'auto. Nella moto s'attende il ritorno di Marquez, annunciato, nelle auto si cerca di capire qual gioco stia giocando l'Hamilton che di titoli ( finche Toto gli cura il tergo) ne può vincere fin venti, anche iniziando la stagione dalla tarda estate. In Champions nulla da fare per le nostre. In un modo o nell'altro, sospetto, lecito o meno che importa, si va fuori e basta. Tanto che non si potrebbe cominciare a pensare di togliere da tanto ludibrio lo nostro ingombro e fare come facevano gli Angli prima di accettare la Rimet ? Ovvero, lasciar designare a chi vuole la regina di Champions per poi sfidarla, noi, con la meglio delle nostre, in una disputa a parte? Che la Signora non sia a suo agio in Europa lo hanno capito tutti, dalla Groenlandia a Cipro. Quest'anno, per gli ottavi, gli avevano sorteggiato un'avversaria buona ma battibile, come si dice, eppure, tra un ' maccherone' e l'altro, ha finito ( ancora una volta) col farsi ' buttar fuori'. Probabilmente le ragioni vanno cercate nel manico, o meglio, nella proprietà della Società, che tra una rivoluzione e l'altra, sbeffeggiata o meno, s'è dimenticata di come rendere al meglio gli affari di casa propria. Migliore fortuna non poteva trovare la Lazio di quel mastino del Lotito che , tra omaggi e sviste, non ha fatto altro che spianare la strada ad un avversario che la strada se la spianava da solo. Pensare di rimontare alla corazzata Bayern lo 1-4 dell'andata, fa solo ridere. Più infausta sorte ha invece trovato la Dea che, tra furti, regali, squalificati ad hoc e sviste, pensava di battersela ad armi pari con il Panda dei Panda, ignorando una casistica che è leggenda. Il buon Gasp s'è lamentato, con fondamento, ma come al solito capita in questo Paese difficilmente troverà soccorso o soddisfazione presso qualcuno. Abituati come sono i nostri lavaceci a deglutire quel che non gli tocca la tasca è sicuro che, continuando a frequentare l'Uefa, questa Uefa ricchissima e sempre meno credibile, di trattamenti come quelli impartiti alla Dea ( chirurgicamente, sapientemente ) se ne conteranno altri , altri e altri ancora. Cui prodest? tuonano gli antichi.

LA CRONACA DAL DIVANO. ( settimana dal 15 marzo)  Luna rossa stavolta ha fallato. Nella settima e ottava regata qualche errore di troppo non ha invogliato Eolo, il dio dei venti, ad andargli in soccorso. E gli altri, soprattutto nella ottava, distanziati ormai di 2,5 chilometri e dunque senza più speme [...]

17 marzo 2021 0 commenti

Non solo sport. Politica: parte il governo Draghi. L’Inter va in testa. Quei fantastici voli di ‘Luna rossa’.

Non solo sport. Politica: parte il governo Draghi. L’Inter va in testa. Quei fantastici voli di  ‘Luna rossa’. In un Paese dilaniato, eternamente diviso tra fazioni contrapposte, incompreso dai più tra gli stranieri, dove tutti hanno in tasca ( non proposte ) ma soluzioni, la mia migliore della tua, che volete possa fare questo nostro caro, accorto, lungimirante Presidente ? Cerca di non mandare tutto a rotoli, magari chiamando al capezzale dell'insipiente ammalato il migliore dei figli suoi, ma tanto per tentare, perchè di certezza qui non c'è manco l'ombra. Eppure quel Paese benedetto dal Creatore, il più bello tra i più belli del reame, d'essere saggio e avveduto non ne vuol sapere. Vediamo dunque come andrà a finire anche questa volta, tra le mani d'uno che migliore non si può. Era capitato così anche agli albori della nostra Patria, con quel Camillo Benso conte di Cavour nomato dall'inglese McSmith il ' miglior politico d'Europa dell'Ottocento', eppur da noi trattato ( bene e spesso) talmente male da indurlo a pensare ( perfino) al suicidio. Cosa, ovviamente, che non auguriamo al nostro coraggioso e capace nuovo premier, anche perchè già alla vigilia si è fatto scrupolo di consultare tutti e tutto, appuntando di persona i desiderata, prestando inoltre orecchio ad ogni refolo di vento del ( cosiddetto) mondo politico. Certo dovrà rimettere i conti a posto; l'Europa, questa volta, per quel che si è insolitamente esposta sul piano economico, fa un tifo matto per lui. Non solo per riavere il soldo prestato, ma ( soprattutto) per non dover saltare ( dalla Scandinavia a Creta) tutti quanti con le gambe all'aria. Che dite, magari sotto gli occhi dei cinesini, che potrebbero inventare un altro virus per darci il 'colpo di grazia' ? Note di sport. Con più luci ( azzurre) che ombre. Anche se il vero spettacolo, di quello epico, da aedi antichi, lo sta dando quella barca ( si fa per dire) piovuta nel golfo di Auckland dallo spazio. La chiamano Luna rossa, e come la luna scende e sale ogni giorno in cielo. Gli inglesi di Ineos che avevano cominciato ad assaporare la sfida ( con vittoria) contro New Zeland, tanto per ( dopo un secolo ) provar a traccannar birra dalla Coppa più prestigiosa e attesa al Mondo, stanno mestamente ripiegando le loro vele. Al momento siamo sul quattro a zero, per l'ufo marino firmato Prada, a dir il vero, ancora non la certezza sulle max 13 regate previste, dove occorre tagliare vittoriosi il traguardo ( almeno) sette volte, per pretendere di sfidare ( dal 6 marzo, al meglio delle 13 regate) i ( terribili) detentori dell'Altro emisfero. Dobbiamo pazientare. Certo è che se il Max dovesse tornare a Rimini con quella elaborata brocca d'argento potrà sognare di essere diventato celebre ( e amato) quanto ( o più?) del divin Federico.

LA CRONACA DAL DIVANO. In un Paese dilaniato, eternamente diviso tra fazioni contrapposte, incompreso dai più tra gli stranieri, dove tutti hanno in tasca ( non proposte ) ma soluzioni, la mia migliore della tua, che volete possa fare questo nostro caro, accorto, lungimirante  Presidente ? Cerca di non mandare tutto a [...]

13 febbraio 2021 0 commenti

Non solo sport. Giro dei Giri stop. Applausi alla Rcs. Rosa a Hindley. Giù il cappello: passa Pippo!

Non solo sport. Giro dei Giri stop. Applausi alla Rcs. Rosa a Hindley. Giù il cappello: passa Pippo! Tante le manifestazioni di sport scese nell'agone. Ne prendiamo qualcuna. Per le moto ( ancora orbe del Maestro di Tavullia) i nostri colori sono stati tenuti alti in MOTO Gp dal Morbido, che questa volta è stato tutto fuorchè ' morbido'. La sua è stata una gara di quelle che non ammettono discussioni. Ha preso il largo, ha resistito a quel testardo del Rins, e s'è presentato solo sulla linea del traguardo. Dire adesso se è rientrato nella lotta mondiale non è semplice. Il suo è un ritardo sostanzioso a tre sole gare dal termine. Per noi la maglia iridata è una questione tra Mir ( mai vincente, ma solo piazzato), Quartararo ( troppo imprevedibile) e Vinales ( altro imprevedibile). Nella MOTO2 sembrava un affare tutto nostrano, s'è invece inserito il britannico Lowes ( tre vittorie di fila) con Marini ( scomparso) e solo Bastianini in posizione alta. Tutto può succedere. Nella MOTO3 la maglia sembra appannaggio di Arenas( 144 punti), con Ogura( 131) e Vietti ( 126) pronti a fare lo sgambetto. E' finito anche il Giro dei Giri. Con un finale che solo qui poteva accadere. Alla fine l'ha spuntata Georghegan Hart ( britannico) su Hindley ( australiano). Di pochi secondi. Mentre la stella più splendente è stata ancora una volta quella del Pippo, il 'bolide', che s'è aggiudicato la terza cronometro e la quarta tappa in un giro affrontato per la prima volta. Gli avversari si sono tolti il cappello, applaudendo a tanta spettacolare potenza. Dove potrà arrivare il nostro è la domanda che tutti si fanno. Perchè se dovesse mostrare tenuta o per le grandi corse in linea o per i grandi giri, qui, ragazzi, abbiamo ricevuto in dono il vero fenomeno di questa prima parte del millennio. Continua anche il Campionato. Con belle partite. Che nulla hanno da invidiare a quelle dei danarosi campi altrui. In settimana andranno ad accendersi anche le 'musichette' delle due Coppe. Zitti. Zitti. Che se quegli sciagurati portassero a casa qualche vittoria potremmo avere giù qualche piede negli ottavi.

LA CRONACA DAL DIVANO. Altro generoso weekend di ottobre. Con tante manifestazioni di sport scese nell’agone. Ne prendiamo qualcuna. Per le moto ( ancora orbe del  Maestro di Tavullia) i nostri colori sono stati tenuti alti in MOTO Gp dal Morbido, che questa volta è stato tutto fuorchè ‘ morbido‘. La sua [...]

26 ottobre 2020 0 commenti

Santarcangelo d/R. Per una intera settimana l’ omaggio al Giro d’Italia. Pedalata, addobbi e proposte.

Santarcangelo d/R. Per una intera settimana l’ omaggio al Giro d’Italia. Pedalata, addobbi  e proposte. Mercoledì 14 ottobre nella 11a tappa (Porto Sant’Elpidio – Rimini), con una pedalata in Valmarecchia, addobbi, aperitivi e proposte commerciali dedicati alla manifestazione sportiva. Da lunedì 12 ottobre, per l’intera settimana, le attività economiche saranno dunque addobbate a tema e proporranno apertivi rosa e altri omaggi al Giro d’Italia. Mercoledì 14 ottobre, giorno della manifestazione, l’assessorato al Turismo propone invece una pedalata lungo i percorsi di Explore Valmarecchia: alle 10,30 il gruppo si ritroverà in piazza Ganganelli e partirà alla volta di San Leo e Verucchio per un percorso di 55 chilometri con un dislivello di 800 metri. Dopo una sosta per uno spuntino a Verucchio (ore 13,30), il gruppo tornerà a Santarcangelo per assistere al passaggio del Giro d’Italia di fianco all’arco Ganganelli. Per partecipare all’iniziativa non occorre la prenotazione, ma è obbligatorio l’uso del casco (per maggiori informazioni: l.torsani@comune.santarcangelo.rn.it). A salutare il passaggio dei ciclisti professionisti, in piazza Ganganelli e sul municipio campeggeranno grandi manifesti e striscioni rosa.

SANTARCANGELO d/R. Per una settimana la città di Santarcangelo rende omaggio al Giro d’Italia, che passerà in alcune vie del territorio comunale proprio mercoledì 14 ottobre nella 11a tappa (Porto Sant’Elpidio – Rimini), con una pedalata in Valmarecchia, addobbi, aperitivi e proposte commerciali dedicati alla manifestazione sportiva.  Da lunedì 12 [...]

12 ottobre 2020 0 commenti

Non solo sport. Sorteggi Coppe: Juve-Barca, Ronaldo contro Messi. Riecco la ‘corsa rosa’, il Giro dei Giri.

Non solo sport. Sorteggi Coppe: Juve-Barca, Ronaldo contro Messi. Riecco la ‘corsa rosa’, il Giro dei Giri. E ha fatto bene la 'rosea' a dedicare tanta beltà grafica alla ripartenza del Giro. Il nostro amatissimo Giro senza sosia. Che in tanti vorrebbero declassare posponendolo alla Grand Boucle. Fuori e dentro casa. Invano,però, perchè l'impronta lasciata nell'anima di un popolo da cotal evento ( non solo) sportivo è tale che nessuno potrà non solo oscurarla ma anche appena appannarla. Sulle sue strade sono nati e cresciuti i più grandi interpreti di questo sport. Nati non importati. Dai piemontesi, come il Gira o il Fausto, di cui più grande non si può, ai lombardi come l'Alfredo o il Felice; dai tusci come il Ginettaccio o il Fiorenzo o il Gastone fin ai romagnoli come l'Ercole o il Marco. Sulle sue strade si sono scritte pagine di sport che non saranno mai in fotocopia.Il Giro 103 quest'anno si svolge in ottobre. E' partito sabato 3 da Monreale, Sicilia, con una crono individuale di 15 km, molto consona al nostro Ganna. Chiuderà il 25 ottobre ( maltempo permettendo),dopo 21 tappe, a Cernusco sul Naviglio. Manco a dirlo, top gun Filippo ha volato vincendo la tappa e vestendo la prima maglia rosa del Giro 103. Sorteggi Champions. Girone A, Juve con Barca , Kiev e Ferencvaros.Con il polverone sollevato, non s'è ben capito se il Messi avesse speso qualche parola con la Beneamata, governata da un cinese che se non vuol essere ancora considerato un venditore di elettrodomestici dovrà pur battere un colpo.Che conta. E comunque sia, il Messi che poteva venire, ora, dovrà venire, obbligado, nel Belpaese, dove si rilasciano lauree perpetue. Dovrà venire per fronteggiare la Signora incompiuta in casa sua. Sarà questa l' occasione per vedere all'opra una decina di palloni d'oro, come mai è capitato sull'urbe terracqueo del calcio. Ed emettere qualche sentenza su chi dei due è il signore del reame. Non dovrà temere i demoni rossi del Liverpool manco la Dea, la mirabile Dea, che di danari ne conta meno ma che per classe non s'affanna. Eppoi se c'è qualcuno che terrorizza il buon Klopp quello sta proprio in Italia. Si rivedano, per ravvivar la memoria, le sue escursioni contro quelli del Golfo. Di quelle puntate, infatti, ci sono rimasti impressi i suoi bei faccioni stravolti e inorriditi. Riavvolgete i nastri. Per andar in battaglia fiduciosi.

LA CRONACA DAL DIVANO. Sono state ‘ aperte’  le famigerate palline Uefa. Pel sorteggio dei gironi. Che non si sa mai se prendere sul serio o no. Fatto è che stavolta non tutto è sospetto, ad esempio, certi match sono credibili e benvenuti. Vediamone qualcuno.   Girone A, Juve con Barca , [...]

3 ottobre 2020 0 commenti

Rimini. Al via la III edizione di Italian bike festival. Dall’11 al 13 settembre al parco ‘Fellini’.

Rimini. Al via la III edizione di Italian bike festival. Dall’11 al 13 settembre al parco ‘Fellini’. Quest’anno la manifestazione, realizzata con la collaborazione del comune di Rimini, APT Servizi Emilia Romagna e Visit Romagna, avrà gli occhi puntati da tutta Europa. Complice lo slittamento di EuroBike, Italian Bike Festival diventerà il primo appuntamento continentale in assoluto all’interno del quale poter vedere, scoprire e testare tutte le novità che verranno proposte dal mercato nel 2021. Rimane inalterato il format che, in soli due anni, ha portato tanto successo all’evento: ingresso gratuito per tutti i partecipanti (da quest’anno con iscrizione obbligatoria online), possibilità di scoprire in anteprima migliaia di prodotti e provarli all’interno delle aree test. Torna infatti anche quest’anno l'off-road Arena e-powered by Bosch eBike Systems. Un’area di 3.600 mq adibita al test delle MTB e delle eMTB e studiata per soddisfare ogni livello di riding.Si inizierà venerdì 11, subito dopo il taglio del nastro, con la presentazione, a cura di Davide Cassani e con la partecipazione dell’assessore regionale a Turismo, Commercio, Mobilità, Infrastrutture e Trasporti, Andrea Corsini, della via Romagna, la nuova Ciclovia con percorso protetto e mappato di oltre 350 km che aprirà i battenti nel prossimo 2021. Nel pomeriggio (ore 14.30) Visit Romagna presenterà al pubblico presente le sue eccellenze nel settore del cicloturismo e della vacanza attiva con percorsi tra valli e dolci pendii. Sabato pomeriggio, alla presenza di 10 tour operator arrivati da tutta Europa, la destinazione turistica Bologna & Modena illustrerà al pubblico la Ciclovia del sole (ore 16.00), mentre domenica alle 12.00 concluderà il ciclo di talk la destinazione turistica Emilia con una presentazione dal titolo 'Food valley, Po e due ruote. Un tris da godere'.

RIMINI. Tutto pronto per la III edizione di Italian Bike Festival. Dall’11 al 13 settembre 2020 il parco Fellini di Rimini si trasformerà per il terzo anno consecutivo nella capitale italiana del mondo della bici ed ospiterà, all’interno di un villaggio di oltre 45.000 mq, più di 300 brand del [...]

8 settembre 2020 0 commenti

Forlì. Al Calafoma presentazione della Unieuro. La squadra disputerà il campionato di Serie A2.

Forlì. Al Calafoma presentazione della Unieuro. La squadra disputerà il campionato di Serie A2. Appassionati salutati con calore dal presidente Giancarlo Nicosanti: 'Non possiamo ipotizzare una partenza senza pubblico. Vogliamo che gli sforzi fatti in estate costruendo questa squadra ci facciano togliere tante soddisfazioni, e vogliamo che queste soddisfazioni vengano condivise con i nostri tifosi. Per noi è fondamentale'. La squadra e l’intero entourage hanno raggiunto il Calafoma dopo il raduno pomeridiano all’Unieuro Arena, con la consegna del materiale per la stagione e la 'riunione Covid-19' tenuta dal professor Giorgio Ercolani e dal medico ortopedico Marcello Lughi. Un ritorno emozionante sul parquet, come sottolineato dal coach Sandro Dell’Agnello: “Volutamente abbiamo fatto sedere i giocatori in campo per questa conferenza, e siamo contenti perché da domani ci torneremo non solo metaforicamente, ma anche concretamente con l’inizio degli allenamenti. Non vediamo l’ora”.Ricordiamo i numeri di maglia che vestiranno i giocatori biancorossi nella stagione 2020/2021, recentemente confermati dalla Pallacanestro 2.015: 1- Erik Rush, 5- Jacopo Giachetti, 7- Luca Campori, 8- Nicola Natali, 13- Riccardo Bolpin, 15- Aristide Landi, 18- Samuel Dilas, 24- Yancarlos Rodriguez, 33- Davide Bruttini, 34- Terrence Roderick.

Forlì, 7 settembre 2020 – Si è tenuta nella serata di domenica 6 settembre presso l’azienda agricola agrituristica Calafoma, in via Tibano 4, località Ronco, a cinque minuti dal centro di Forlì, la presentazione ufficiale della squadra di basket della città, la Pallacanestro 2.015, che disputerà il campionato di Serie [...]

7 settembre 2020 0 commenti

Emilia Romagna. Mondiale di ciclismo a Imola, un’altra bella notizia per il nostro territorio.

Emilia Romagna. Mondiale di ciclismo a Imola, un’altra bella notizia per il nostro territorio. Dal 24 al 27 agosto scenderanno in pista i grandi campioni del ciclismo, uomini e donne, per le prove su strada e per le cronometro. 'Imola non si è tirata indietro. Due eventi, due gare mondiali, ciclismo e Formula Uno, che porteranno il nostro territorio sulle prime pagine dei più importanti media mondiali. Un risultato che non è solo il frutto della contingenza, anzi proprio la contingenza ha dimostrato che la nostra realtà, con le sue espressioni, sportive, sociali ed economiche si è fatta trovare pronta e capace di garantire quel rispetto di tutte le regole che oggi più di ieri sono necessarie per evitare drammatiche ricadute'. Gli eventi imolesi si inseriscono in contesto di importanti eventi regionali che vede rafforzata la capacità emiliano romagnolo di essere non solo polo di attrazione turistico, ma anche sportivo.

IMOLA, 2 settembre 2020. “Una doppia soddisfazione. Dopo la Formula Uno approda a Imola anche il Mondiale 2020 del ciclismo. Un grande appuntamento che si inserisce in una agenda fitta di eventi, a dimostrazione che questo territorio ha saputo reagire in maniera compatta e forte all’emergenza che ci ha colpito [...]

3 settembre 2020 0 commenti