Tag "stadi"

 

Non solo sport. Germania e Francia, il solito inutile ‘asse’? Svegliatevi, o bacucchi, e fate ‘sti nuovi stadi !

Non solo sport. Germania e Francia, il solito inutile ‘asse’? Svegliatevi, o bacucchi, e fate ‘sti nuovi stadi ! La nuova Europa? Epperò a preoccuparci ancor di più sono quelle ( più o meno) ' sante alleanze' che sortiscono ( ad intervalli) nel cuore dell'Europa con il (reiterato) proposito di metter le basi della ' nuova Europa'. Che più che nuova, basti un rapido controllo, sembra voler fare un copia e incolla dell'Impero carolingio o ( in subordine) del Romano sacro impero. Dove a farla da padrona sarebbero Franchi e Germani, gente (forse) della stessa famiglia, ma che d'andare d'amore e accordo manco se lo sognano. Di certo, entrambi, hanno avuto ( bene e spesso) da masticare amaro quando dovevano vedersela con i popoli del Sud, e nell'ispecie, italici o padani. Chè senza di loro l'Europa è monca. E impotente. E infatti cosa sarebbero gli Usa senza il Texas o la California ? Andrebbero a rimuginare una seconda Guerra civile? Sentire, di recente, che l'algido Macron e la pensionanda Merkel si sono stretti la mano per rinnovare il solito asse a due non solleva altra speranza che ' salti' come i tanti inutili 'assi' precedenti, europei e non, anche perchè ( ammesso e non concesso) dovesse ' rinsaldarsi' per l'Europa tutta ( stando al pregresso) sarebbero ( prima o poi) grossi guai, per i due 'assisti' in primis. Sì, perchè, anche se quelli stentano a capirlo, l'Europa non è una torta dalla quale estrapolare fette, a proprio piacimento, all'infinito, ma solo e soltanto ( ancora) una gran bella torta da ' godersi' ciascuno per la propria parte ( insieme) prima che arrivino altri, altri popoli, a forte desiderio di scambiarsi i primi posti sul Pianeta, ad inghiottirsela ( tutta d'un fiato) nelle bocche loro. In mezzo a tanta incertezza, speriamo solo che Albione ci ripensi. Invece d'andare a navigare in solitaria in alto mare, resti dove le sue radici affondano. Magari per contribuire a dare al Vecchio Continente quell'equilibrio, nord-sud e centro, che solo i Cesari gli avevano ( a loro modo ) imposto, garantendogli però secoli di unità, forza e crescita.

LA CRONACA DAL DIVANO. Non è che i due sotto l’ala provvidenziale del (sorprendente) premier Conte, ci convincano più di tanto. Anzi, l’uno imberbe, l’altro tracotante, non si sa bene cosa stiano combinando. Con le nostre leggi, con i nostri problemi. Con i nostri soldi, con le nostre frontiere. Epperò [...]

23 gennaio 2019 0 commenti

Non solo sport. Stadi, nuovi stadi: la ‘rosea’ suona (finalmente) la sveglia. La ‘promessa’ della sindaca Raggi.

Non solo sport. Stadi, nuovi stadi: la ‘rosea’ suona (finalmente) la sveglia. La ‘promessa’ della sindaca Raggi. Stadi. Nuovi stadi. Diciamo pure che qualcosa si muove, nell'attesa di passare dalle ciance ai fatti. Che altro non sono, che la ( principale) differenza che intercorre tra noi e gli (altri) tre principali tornei europei. A proposito di tornei, non manca pulpito dal quale non s'odono levarsi i soliti illuminati apprezzamenti sul nostro timido, fragile, negletto pallone. In una trasmissione-svago di Rai 2 il transfuga ( Sky) Massimo Mauro, non s'è trattenuto dal gettare al popolo la sua lucente verità: ' Il nostro è il Campionato più noioso. Dove tutto è deciso. A me non piacciono i tornei dove tutto si sa ancor prima che partano'. Un piacere, il suo, abbastanza strano da godersi, e da condividersi, visto quanto accade, qua e là, pel Vecchio Continente. In Liga e in Ligue, infatti, tutto è stabilito, o quasi, da tempo. In Bundes ( fortuna loro e nostra) menti illuminate devono avere ( finalmente ) consigliato al Bayern di Monaco di prendersi un anno sabbatico, visto che dei bavaresi vittoriosi non se poteva proprio più. Sembra ne stia approfittando il Borussia D., sembra, che però di Bundes ne ha vinte abbastanza poche. La maggiore suspence ( manco a dirlo) avvince in Premier, dove la palma della più bella del reame è contesa tra Liverpool e City ( secondo, a 7 punti). Mamma, che brividi! E che dire della 'noia mortale' che s'è impadronita della mitica Coppa dalle grandi orecchie, nell'ultimo lustro finita ( con le buone o con le cattive) per ben 4 volte ( ad eccezione del 2014/2015) nelle mani del Real del Florentino madridista ? Certo, il piacere di parlare e sparlare sul piatto in cui s'è mangiato e si continua a mangiare, è un esercizio che nel Belpaese trova i suoi più geniali, generosi ed indefessi cultori. Morale è , però, che mentre milioni di nuovi fans in giro pel Pianeta vengono convinti ad affezionarsi ad altre leghe con prodigiosi ritorni economici, la nostra leguccia resta al palo. E come potrebbe essere altrimenti? Scusate, ma se siamo noi i primi a 'sconsigliare' l'acquisto del nostro inimitabile ' panettone' chi volete poi che ( stadi a parte) voglia affannarsi ad acquistarlo per rallegrare le sue ore di festa?

LA CRONACA DAL DIVANO. Finalmente la vecchia,   cara ‘rosea’ suona la sveglia a quelli per cui gli stadi sono  solo pensieri.  Fastidi.  Garantisce Abodi, presidente ICS, ‘ Serve una regia del Governo. Ma venti piazze ( almeno) sono pronte a partire con loro progetti’. Al  momento, lo ricordiamo, nuovi impianti [...]

22 gennaio 2019 0 commenti

Non solo sport. La gran disfida, tra la Signora e il Ciuccio. Ma anche le ‘ bontà’ del neo re della Formula Uno.

Non solo sport. La gran disfida, tra la Signora e il Ciuccio. Ma anche le ‘ bontà’ del neo re della Formula Uno. L'ultima nota non possiamo che riservarla al buon Lewis ( Hamilton), re novello della F1. Nell'ultima sceneggiata in Dubai ha concesso la palma della vittoria al fido scudiero Bottas, e si è permesso di disquisire amabilmente sui suoi valorosi avversari in livrea rossa. ' Bravo Vettel - ha detto-. Peccato solo che non abbia avuto una macchina adeguata'. Giusto. Visto che quella macchina, guarda caso proprio nel top della stagione, complice il misterioso Oriente, hanno pensato bene di sfasciarla, prima lui ( tamponamento doc) poi il suo voucher Bottas ( Kimi compreso) e quindi il tulipano killer, autore di uno dei più mirabolanti ' colpi da biliardo' mai esperimentati in pista. Se ben si ricorda, infatti, in quell' incredibile occasione, l'imberbe ( autorizzato non si sa da chi a star col piede sull'acceleratore sempre e comunque), ha eliminato in un sol 'botto' le due 'rosse', ancora in gara, eccome, per contendere il titolo al ( generoso) re novello della F1. Recriminare non serve, certo, ricordare sì. Eppoi, per noi, da bravi fans della 'rossa', dal 1950 esistono due titoli: l'uno l'assegna la Fia, e vale per gli almanacchi; l'altro, invece, lo distribuisce la nostra 'rossa' e vale per quelli che nel mondo delle auto da corsa vogliono lasciare ( o hanno lasciato ) un segno profondo. Ad esempio, è vero che Jean Alesi ha forse commesso un errore abbinarsi al tempo suo ad una 'rossa' non vincente, ma è anche altrettanto assodato che il suo nome resta tuttora depositato nel profondo dell'infinito cuore della 'rossa'. A questo punto dire se valeva la pensa pensare di più agli almanacchi o all'avere guidato una 'rossa', è fatto improbo. Anche perchè quelli della 'rossa' non sono quattro gatti, ma milioni e milioni, sparsi in ogni angolo della Terra.

LA CRONACA DAL DIVANO. In arrivo ( venerdì sera) il big match tra la Signora e il Ciuccio. In ballo c’è una porzioncina di scudetto. Non facciamo pronostici, ci limitiamo soltanto all’attesa nella speranza di vedere un’altra delle nostre belle ‘sfide sul campo verde’. Che nulla hanno da invidiare a quelle [...]

29 novembre 2017 0 commenti

Non solo sport. Signora, sei nelle otto, ma se corri come col Porto vai poco lontana. La ‘rossa’ rigenerata.

Non solo sport. Signora, sei nelle otto, ma se corri come col Porto vai poco lontana. La ‘rossa’ rigenerata. La Signora entra nel salotto buono del calcio europeo. E ci entra dalla porta di servizio, più col retro che con il davanti. Non certo da Signora. Dovesse ribadire queste ultime due prestazioni contro la prossima del lotto che non potrà che risultare di prim'ordine, ovvero meglio nutrita del Porto, di certo tornerebbe a casa con la coda fra le gambe. Eppoi, un consiglio: si faccia dire che mangiano Oltralpe? Forse, la nostra tenera breasaola poco o nulla può con quando ingollano gli altri, che vanno più forte a fine partita ( recuperi compresi) che all'inizio. Normalmente la stanchezza appesantisce le gambe, normalmente, perchè a questi non solo non gliele appesantisce ma gliele rigenera . Tant'è che si comincia a parlare di ' due partite' e non più di una. Gli altri sport.

LA CRONACA DAL DIVANO. La Signora entra nel salotto buono del calcio europeo. E ci entra dalla porta di servizio, più col retro che con il davanti. Non certo da Signora. Dovesse ribadire queste ultime due prestazioni contro la prossima del lotto che non potrà che risultare di prim’ordine, ovvero [...]

15 marzo 2017 0 commenti

Non solo calcio. Pipita come il Pibe. Inter sfortunata e furiosa.Juve torna sotto. Il Milan (ri)trova Niang.

Non solo calcio. Pipita come il Pibe. Inter sfortunata e furiosa.Juve torna sotto. Il Milan (ri)trova Niang. Panormo-Juve, 3-0, con la Signora tornata di nuovo in corsa per lo Scudetto; Napoli-Inter, posticipo del lunedì, è valso il primato. Ha vinto ( 2-1) il Ciuccio di Sarri, con due prodezze di un Higuain mai visto. Il vecchio Milan infine ha battuto la Samp. Con il 'suo' Niang.

LA CRONACA DAL DIVANO. Non avrà tanti  cavalli da corsa ed  energumeni da lotta libera, ma il nostro è tornato un Campionato di cui stimarsi. Almeno per quel che riusciamo a fare sul campo.  Con tanti colpi di scena. Ma anche con interpreti che poco o nulla hanno da invidiare ai [...]

1 dicembre 2015 0 commenti

Notizie ( non solo) di sport. Balo, dopo il pianto, ancora in Premier? Dipende da quel Raiola detto Mino?

Notizie ( non solo) di sport. Balo, dopo il pianto, ancora in Premier? Dipende da quel Raiola detto Mino? Altro week end. Brillano le Olimpiadi di Sochi. Torna in campo la serie A. Mentre il Napoli ( sotto gli occhi di Maradona) batte ( 3-0) la Roma e vola in finale in Coppa Italia. Con la Viola.

LA CRONACA DAL DIVANO. Per quel che possiamo vedere, da qua, sparalazzati ma non rincoglioniti, una delle cose urgenti che dovrebbe ( o bisognerebbe) fare per ( salvare) Balo è mandare in altra parte del Pianeta il suo agente, quel tal Raiola detto Mino, che ad ogni soffio di vento [...]

13 febbraio 2014 0 commenti

Cronache di sport. All’ultimo stadio. Letta: ‘ Dobbiamo cambiare, basta restar fermi sul passato’.

Cronache di sport. All’ultimo stadio. Letta: ‘ Dobbiamo cambiare, basta restar fermi sul passato’. Il tema delle strutture sportive torna caldo. Nuovi impianti ci farebbero tornare competitivi, ma ( soprattutto) guardando avanti creerebbero nuove opportunità e lavori. L'Italia stanca di immobilismo.

LA CRONACA DAL DIVANO. Ora è il Corriere che dedica una paginona al problema degli impianti sportivi in Italia. Il là, è dato da una dichiarazione fresca fresca del neo premier Enrico Letta. ” Gli stadi italiani sono quasi tutti di decenni fa e nei centri storici.Dobbiamo apportar dei cambiamenti, [...]

1 maggio 2013 0 commenti

La cronaca dal divano. Inchiesta: così si cambia il calcio. Nell’attesa dello ‘scontro’ Milan-Juve.

La cronaca dal divano. Inchiesta: così si cambia il calcio. Nell’attesa dello ‘scontro’ Milan-Juve. Un'altra giornata ( XIV) di campionato. Nell'auto, F1 in Brasile, Hamilton davanti Button, Webber e Vettel. Massa quinto, Alonso solo ottavo. Adesso occorre un grosso miracolo.

LA CRONACA DAL DIVANO. Un altro bel servizio ( in doppia pagina) della ‘rosea’dal titolo ‘Cambiamo così il calcio‘. La parola è stata data, in questa circostanza, ai presidenti e, volendo, sia pure a fondo servizio, ai tifosi.  Diciamo pure che tutti hanno le idee ben chiare e che, se [...]

24 novembre 2012 0 commenti

Calcio europeo. Platini? Ora bisogna marcarlo stretto. E non solo sul fair play finanziario.

Calcio europeo. Platini? Ora bisogna marcarlo stretto. E non solo sul fair play finanziario.

LA CRONACA DAL DIVANO. “Quando voi italiani spendevate tanto, il fair play era un problema per i francesi. Oggi è il contrario…”. La battuta, che battuta non è, ha come padre monsieur Platini, francese in Italia e italiano in Francia, presidente Uefa, ideatore d’uno strumento ( fair play finanziario) che [...]

3 settembre 2012 0 commenti

Calciomercato. La Juve cresce. Il Milan piange. L’Inter ringiovanisce. La Roma tra Zeman e Totti.

Calciomercato. La Juve cresce. Il Milan piange. L’Inter ringiovanisce. La Roma tra Zeman e Totti. Un Calciomercato con molto fumo e poco arrosto. Del resto, alla chiusura mancano (quasi) due mesi. L'altalena dei dirigenti del Milan. E lo 'spaventapasseri' Raiola.

LA CRONACA DAL DIVANO. Questi ( nella foto di repertorio) ridono, scherzano, giocano, piangono; e poi giocano, scherzano, ridono e ( ancora ) piangono. Un campionario umano ricco quanto e più di quello naturale. Con l’estate, l’autunno, l’inverno e ( finalmente) la primavera. Con il cielo terso, nuvolo, tempestoso e [...]

11 luglio 2012 0 commenti