Firenze. Extralberghiero: si soffre ancora molto nelle città d’arte, dove la ripartenza sta stentando.

Firenze. Extralberghiero: si soffre ancora molto nelle città d’arte, dove la ripartenza sta stentando. 'L’extralberghiero - spiega Beltrante - rappresenta il 2,5% del Pil italiano su un complessivo 13% del turismo. Nelle città d’arte la ripartenza stenta però ad esserci. In tanti hanno riaperto, ma la situazione migliore la stiamo registrando lungo le zone di mare e nei piccoli borghi, dunque nell’entroterra. Invece nelle città d’arte non si sta registrando la ripartenza e le strutture soffrono la mancanza di turisti, soprattutto stranieri. In Italia le città d’arte hanno una clientela in prevalenza straniera. Sono dati che emergono da un’attenta analisi di 'Vivere di turismo Community' che raggruppa su Facebook ben 10.000 operatori turistici italiani'. Beltrante è uno dei principali esperti ed imprenditori del turismo italiano, laureato in Gestione delle risorse umane, ceo di Family Apartments, franchising di case vacanza presenti in città importanti come Genova, Firenze, Bologna, Trento.

FIRENZE. Danilo Beltrante, fondatore di Vivere di turismo Business School,  la prima scuola dedicata al settore turistico extralberghiero. dice: “Il settore extralberghiero rappresenta oltre 2,5% del Pil italiano. Si soffre ancora molto nelle città d’arte, dove la ripartenza sta stentando. Molto meglio per le strutture lungo la costa e nei piccoli borghi [...]