Tag "Tour"

 

Grande ciclismo. Il Giro. Spostato ad ottobre, ma pur sempre il Giro. Unico e casomai ‘primus inter pares’.

Grande ciclismo. Il Giro. Spostato ad ottobre, ma pur sempre il Giro. Unico e casomai ‘primus inter pares’. Il grande ciclismo comincia a entrare nel clima delle corse, che ufficialmente ripartiranno sabato 1° agosto in Italia con la Strade bianche, sulle strade sterrate intorno a Siena.Intanto si è ridisegnato il Giro d'Italia, collocato nel nuovo calendario dal 3 al 25 ottobre. Come è noto sono state cambiate le prime tre tappe, previste in Ungheria (che ha rinunciato, ma dovrebbe essere ripescata nel 2021 ), e verranno ridisegnate lungo il percorso. Dovrebbe restare pressoché invariata invece la tipologia della altre frazioni. Il coronavirus, da rompiballe qual è, ha sconvolto un po' tutto e tutti. Compreso i giri, i grandi giri a tappe, che da decenni caratterizzano le nostre estati. Nell'accaparramento alla data migliore, qualcuno ha voluto ( arbitrariamente) privilegiare il Tour, consentendogli una data migliore e non conflittuale. Dimenticando però che a decidere qual sia la preferenza da dare non sono i mangia scartoffie più o meno addentro nelle stanze del potere, ma gli sportivi. O meglio, quella folla anonima che al solo fruscio di quelle ruote leggere che vengono da lontano, avvertono un brivido scendere giù per la schiena. E mentre i bimbi levano al cielo le loro grida festose, negli anziani sfila il ricordo indelebile di grandi pedalatori, i più grandi mai apparsi sulla faccia della terra. Pedalatori abituati a trasformare la fatica in monumenti d'umanità. A noi non serve far tanti paragoni, con questo o quel Giro. A noi basta sapere che qui è trascorso il meglio. Il Tour, ad esempio, oggi avrà più audience, danari e pressioni, ma è al Giro che torna ogni anno sulle sue belle strade l'Alma Mater delle due ruote. Con le lectiones dei suoi inarrivabili professori, di cui basta citarne quattro: Binda, Coppi, Bartali e Pantani. Donde mai, il dio della bici ha concesso altrettanto?

MILANO.  Il grande ciclismo comincia a entrare nel clima delle corse, che ufficialmente ripartiranno sabato 1° agosto in Italia con la Strade bianche, sulle strade sterrate intorno a Siena. Ma c’è ancora molta incertezza su quelle che dovranno essere le misure di sicurezza e di prevenzione anti-coronavirus che team e [...]

7 luglio 2020 0 commenti

Non solo sport. Calcio: anche senza dirigenti e stadi, stiam al vertice. MotoGp: per il titolo decide Lorenzo.

Non solo sport. Calcio: anche senza dirigenti e stadi, stiam al vertice. MotoGp: per il titolo decide Lorenzo. Un calcio che davano per morto. Un calcio che ha fatto la storia del calcio planetario. Nato, morto e risorto, chissà quante volte. Eppure rimasto sempre presente, soprattutto negli appuntamenti mondiali. Se la stanno cavando egregiamente le giovanili; ha battuto il primo positivo colpo l'Under 21, quella delle speranze non solo speranze; viaggia alla velocità della luce la formazione delle ragazze, dritte al secondo turno iridato; risponde alle attese la giovane banda di Mancio da Jesi, che come degno capitano di ventura sta riconsegnando al Belpaese una formazione azzurra degna di tal nomea. Formazione azzurra che, sarà meglio non dimenticarlo mai, punta alla pentastella, sfuggita troppe volte nel passato. Sta per ripartire il Tour, senza Froome ( incidentato) ma con il nostro Nibali tra i favoriti. Mentre per le moto, ci ha pensato quel fantasma del buon Lorenzo a sfoltire con un sol colpo da mago del biliardo la concorrenza del conterraneo Marquez. Infatti erano appena partiti per il Gp di Cataluna, che l'ex campione maiorchino per far vedere (dopo varie comparsate) d' essere ancora della partita ha pensato di bene d'inforcarne uno appresso all'altro. Come e meglio di tal giovin Verstappen, in F1, che qualche tempo fa in una sol partenza fece fuori le due 'rosse' entrambe antagoniste di quel che ( in tanti) vorrebbero accreditare come il pilota più grande di sempre. Vorrebbero. Perchè ad assegnare titoli non ci sono ( per nostra fortuna) solo i velenosi ' tortigancoli' della Fia ( con aggiunti accoliti ) ma anche gli appassionati in rosso che, sparsi a milioni su ogni continente, sono ( salvo prova contraria) la vera ed eterna giuria di chi nell'auto è degno o non di assidere tra i meritevoli dell'Olimpo di quello sport. La tornata in Cataluna non ha portato bene anche ai centauri azzurri d'altre categorie. Nella Moto3 solo Vietti ( terzo) è salito sul podio, mentre nella Moto2 sono ormai troppe le ' amnesie' e/o ' cadute' del ( tuttora in gara per il titolo ) Balda. La ' rossa' ha presentato domanda di revisione del risultato in Canada ai soliti tortignacoli Fia. Il buon Sarri è tornato in Italia, presso la Signora, dove non è necessario sperticarsi in lodi per guadagnarsi la stima. Continuano infine a mietere successi internazionali i ragazzi e le ragazze del volley.

LA CRONACA DAL DIVANO. Neppure qualche mese fa c’era ancora qualcuno che giurava sull’inesorabile declino del calcio italiano. Un calcio che ha fatto la storia del calcio planetario. Nato, morto e risorto, chissà quante volte. Eppure rimasto sempre presente, soprattutto negli appuntamenti mondiali. Se la stanno cavando egregiamente le giovanili; [...]

17 giugno 2019 0 commenti

Non solo sport. ‘ Rossa ‘ e ‘Frecce d’argento’: che spettacolo! Aru, secondo al Tour, ma senza squadra.

Non solo sport. ‘ Rossa ‘ e ‘Frecce d’argento’: che spettacolo! Aru, secondo al Tour, ma senza squadra. Ora la classifica piloti di F1 è questa: Vettel ( Ferrari) 171 punti, Hamilton ( Mercedes) 151, Bottas ( Mercedes) 136. Quella costruttori: Mercedes 287 punti, Ferrari 254. Praticamente tutto da decidere, a ricominciare da domenica prossima, questa volta sulla pista di casa Hamilton, la sua lussureggiante ed infida Albione. Quel che potrà accadere non si sa, anche perchè le due auto sembrano davvero equivalersi. Dilatando lo spettacolo. Ad Aru non ha dato manforte manco il compagno di squadra, danese, impegnato a far di suo piuttosto che a far acquisir secondi al co-equipiere , secondo in classifica, a soli 18 secondi dal capo classifica Froome. Bravo. E così che ci si comporta nelle terre del Nord? Solito sfaldamento invece di una squadra italiana nella fase finale d'un torneo. Questa volta ad andare in panne sono stati i bravi ragazzi della U19 di basket, sconfitti nella finale per il titolo mondiale dai coetanei del Canada. Bravi e non oltre, quindi, i nostri. Per loro un'ovazione, non un trionfo. Anche perchè se ci abituiamo in ogni occasione ad eseguire celebrazioni straordinarie per risultati parziali, finiamo col tirare su generazioni disposte a far 30 e mai 31.

LA CRONACA DAL DIVANO. Settimana vivace. Con avvenimenti e appuntamenti ( non soltanto) sportivi, tra cui:  la convocazione a Parigi di Vettel e la ( combattuta) disputa  del Gp d’Austria nel weekend;  gli sviluppi al Tour con il nostro Fabio Aru in lotta per la Gialla, la fase finale  sull’erba di Wimbledon; ma anche le sorprese [...]

10 luglio 2017 0 commenti

Non solo sport. Signora, l’Europa non fa per te. Il nostro bel Giro. Il Centro Italia continua a tremare.

Non solo sport. Signora, l’Europa non fa per te. Il nostro bel Giro. Il Centro Italia continua a tremare. Ci arrendiamo, per un lustro abbiamo creduto che la Nostra Signora si fosse tolta di dosso il maleodorante sentore di non essere 'adatta' per l'Europa. Ci abbiamo creduto, appassionatamente. E ora siamo profondamente delusi. Perchè, come spesso accade, vox populi è anche vox dei. Lo sapevamo, da tempo, eppure non volevamo crederci. Sbagliando, perchè ora è chiaro che la Nostra Signora in Europa si peggiora, non è più lei, si stranisce, perde in personalità, vaneggiando scioccamente da un campo all'altro. Poteva chiudere la pratica nel girone Champions, ma ancora una volta non l'ha fatto. Chi la capisce?

LA CRONACA DAL DIVANO.  Ci arrendiamo, per un lustro abbiamo creduto che la Nostra Signora si fosse tolta di dosso il maleodorante sentore di non essere ‘adatta’ per l’Europa. Ci abbiamo creduto, appassionatamente. E ora siamo profondamente delusi. Perchè, come spesso accade, vox populi  è anche vox dei. Lo sapevamo, da [...]

3 novembre 2016 0 commenti

Sant’ Agatasul Santerno. Una delegazione francese in vista. Tour in Romagna.

Sant’ Agatasul Santerno. Una delegazione francese in vista. Tour in Romagna. Una delegazione francese proveniente dai Comuni di Eybouleuf, La Geneytouse, Royères e Saint Denis des Murs, raggruppati nell’associazione 'Noblat Aigues Vives', ha fatto tappa nei giorni scorsi a Sant’Agata sul Santerno nel segno del gemellaggio con la città romagnola. Il gruppo, composto da 32 persone ospitate da famiglie santagatesi, è arrivato giovedì 7 luglio ed è ripartito lunedì 11 luglio alla volta della Francia. A fare gli onori di casa il sindaco di Sant’Agata sul Santerno Enea Emiliani che, insieme al vicesindaco Lilia Borghi e all’assessore Elisa Sgaravato, ha condotto gli amici francesi alla scoperta della Romagna.

SANT’AGATA SUL SANTERNO.  Venerdì il gruppo ha fatto tappa nei lidi ravennati per passare una giornata al mare all’insegna del relax. Sabato è stata la volta di Faenza e Brisighella mentre domenica la delegazione si è trovata in Comune a Sant’Agata sul Santerno per cercare di dar vita a strategie [...]

14 luglio 2016 0 commenti

Rimini. Un tour tra le mostre. Insieme ai curatori per il finissage della biennale del disegno.

Rimini. Un tour tra le mostre. Insieme ai curatori per il finissage della biennale del disegno. Si abbassa il sipario sulla seconda Biennale del Disegno di Rimini che domenica 10 luglio si conclude con un tour gratuito alle principali mostre insieme ai curatori che hanno ideato le esposizioni. La partenza è alle 16,00 nella sede di Castel Sismondo, si continua con il Teatro Galli, la FAR, la Biblioteca Gambalunga e infine il Museo della città. Inoltre per l’intera giornata tutte le mostre sono a ingresso gratuito.

RIMINI.  Si conclude con un tour di visite guidate gratuite, insieme ai curatori delle mostre e in collaborazione con Italia Nostra Rimini, la seconda edizione della Biennale del Disegno di Rimini, ideata dal Comune di Rimini e dai Musei Comunali, che quest’anno ha portato a Rimini più di 2.000 opere [...]

11 luglio 2016 0 commenti