Tag "tre Disgrazie"

 

Non solo sport. Buona Pasqua, grande Presidente! Non è che ci tocca di vincere ( anche) per l’Europa?

Non solo sport. Buona Pasqua, grande Presidente! Non è che ci tocca di vincere ( anche) per l’Europa? In 'Porta a porta', un primo brandello di verità ci è stato propinato. Riguarda gli amici dell' Estremo Oriente. ' Ora lo possiamo dire - ha detto un addetto ai lavori intervistato -, inizialmente, siamo stati tratti in inganno da informazioni in arrivo dal primo focolaio ritardate, incomplete e devianti. Non c'è stata detta la verità. Nonostante ciò abbiamo cercato di fare il possibile e l'impossibile. Praticamente a mani nude contro un mostro verso il quale occorrevano ben altre armi'. La parola di chi ha avuto tanti morti e feriti sul campo è sacra. Quindi la prendiamo per buona. E adesso che s'è fatta ( autorevolmente) chiarezza su uno dei due misteri gaudiosi che ci affliggono dall'inizio della pandemia passiamo all'altro. Ancora inevaso, quel che riguarda l'atteggiamento della Germania e i risultati della Germania. Che è stato il Paese che ha trasmesso il virus ai Lombardi, il Paese che a fronte di migliaia di casi infetti conta poco oltre 2000 deceduti, quasi un decimo di quelli che ha contato l'Italia. Situazione anomale, strana, che nessun interpellato ha saputo spiegare, convincendo. Del caso ' numero Uno', l'uomo di Codogno, conosciamo tutto; del caso ' numero Zero', invece, che è un trentenne tedesco non abbiamo traccia. Come mai? Chi è? Dov'è? Che ha fatto nei giorni trascorsi a inizio anno tra sosta a Codogno e ritorno in Germania? Domande importanti. Sulle quali speriamo abbia a soffermarsi prossimamente un'altra edizione di 'Porta a porta', o chi per lei. Perchè è questo che gli Italiani , che stanno pagando il virus con alto e immeritato tributo umano ed economico, illusi ancora una volta dall'Europa del Menga ( che pare) finita in mano a residuati ariani non seppelliti ( come si credeva) insieme ai loro orrori e ai loro signacoli, sputtanati da quel Die Welt, d'odoroso zolfo neonazi cosparso, senza rispetto alcuno per i nostri morti che tutto sono fuorchè mafiosi, mostrano di tenere ancora in pugno una Nazione intera, con governo annesso, comprensivo di figli e figliastre, piazzati tutti in (troppi ) posti chiave. Urgente, quindi, è svelare questo secondo mistero gaudioso. Che non può non interessare anche gli altri popoli d'Europa. Che solo ottant'anni fa si sono mobilitati per impedire alla follia nazi-fascista di distruggere la civiltà. Quando avremo tempo, vedremo di chiedere lumi anche sui cani al guinzaglio dell'attuale governo tedesco. Come quegli Orange, difensori ad oltranza d'un ' baratro fiscale' non si da chi autorizzato. E che va chiuso prima che trasformi il Vecchio Continente non in un consesso di civili nazioni ma ( solo e soltanto) in una mega-cassaforte di capitali in fuga dai loro legittimi Stati. Un augurio di Buona Pasqua, infine, per il nostro grande Presidente. Fratello di vittima di mafia. Schivo, attento, pacato. Che parla solo quando ( e come) deve parlare. E perchè no, guida credibile per noi e per l' orfana Europa?

LA CRONACA DAL DIVANO. Non abbiamo mai preteso di dire o di cogliere la verità. Riservata agli dei. Possiamo però chiederci qual sia da considerarsi  la verità. Nel caso di questa ecatombe, qual siano cause ed autori. In ‘Porta a porta’, un primo brandello di verità ci è stato propinato. Riguarda [...]

11 aprile 2020 0 commenti

Non solo sport. Europa: paghi oggi chi ha incassato ieri. O meglio è restare soli, in balìa degli eventi?

Non solo sport. Europa: paghi oggi chi ha incassato ieri. O meglio è restare soli, in balìa degli eventi? I giorni di vigilia dalla prima vera decisione, non sono forieri di eventi fausti. Del resto, anche nei paesi detti evoluti, i pregiudizi sono duri a morire. E così quelle classi dirigenti, eredi o meno d'un passato ( incredibilmente ) ancora vivo e vegeto, che invece di cercare la complessa amalgama per annunciare al mondo la nascita della leggiadra Europa, restano rintanate nelle loro ( antiche) trincee, con le loro divise, i loro elmetti, i loro funesti signacoli, L'Italia va aiutata. Come vanno aiutati i paesi in maggiore sofferenza. Perchè l'uno possa poi aiutare, in seguito, gli altri. L'onere maggiore spetta oggi a coloro che (più) ricchi si sono fatti, non solo con le mani loro ma anche con le mani altrui. In ' Cent'anni di solitudine' ben si spiega cosa vuol dire per una Comunità perdere la memoria del suo passato. Di un passato aspro, fatto di grandi nomi e cose ma anche di troppi contrasti, lutti e orrori. E che comunque, al di là di quanto ha preso l'uno o quanto ha dato l'altro, ci accomuna. Ci accomuna per forza di cose. Perchè gli incommensurabili assalti migratori, l'imprevidibilità dei nuovi e vecchi incubi, la fragilità di frontiere singolarmente indifendibili 'gridano' questo e non altro. Lo 'gridano' da dentro e da fuori l'Unione. Taluni per 'mettersi al sicuro', altri per 'non restare soli in balia degli eventi'. Tutto questo, anche per dire che ( non appena possibile) occorre ripartire. Per non rendere inutili conoscenze, impianti, esperienze. In Germania e paesi collegati si è andati avanti, Coronavirus a prescindere. In Francia sembra ci si sia (solo) in parte fermati. Mentre in Italia e in Spagna, la situazione è stata ( per forza di cose) sospesa . Ora, va rimessa in moto, subito, con accortezza e lungimiranza. Anche per evitare quegli 'sciacalli' che alla fine d'ogni guerra spuntano fuori da dove men te li spetti. Per pagare con uno sputo la fatica di generazioni. Ci sono tanti eroi anonimi in una guerra. Come quell'immobiliarista, che allo 'sciacallo' di turno che chiedeva di rivedere un contratto d'acquisto con un ribasso da vergogna, gli ha risposto 'Caro signore, qui non facciamo alcun ribasso. Se vole l'immobile lo paghi secondo quanto pattuito. Per quel che ci riguarda, noi, di momenti come e peggio di questo abbiamo collaudata esperienza. Ci siamo rialzati tante altre volte in passato, ci rialzeremo oggi'.

LA CRONACA DAL DIVANO. I popoli hanno parlato. Non con le ciacole, ma con i fatti. Soffrendo, gli uni gli altri, indistintamente, da un capo all’altro del Continente. Con i tanti afflitti, i troppi morti. Con le numerose rovine, le infinite angosce su un futuro messo ( democraticamente) in mano [...]

4 aprile 2020 0 commenti

Non solo sport. Le ‘ tre Grazie’ o le ‘ tre Disgrazie’? Veloci e sicure, care Signore, perchè qui ci si gioca tutto!

Non solo sport. Le ‘ tre Grazie’ o le ‘ tre Disgrazie’? Veloci e sicure, care Signore, perchè qui ci si gioca tutto! Ormai le chiamano le 'tre Grazie', o anche ( parafrasando) le originali del Botticelli, le ' tre Disgrazie'. La Lagarde è francese, le altre due sono tedesche. In questa, stanno mettendo in gravi ambasce chi aveva pensato che bastava porle alla guida dei massimi sistemi per garantire in quota rosa chissà quale futuro al sogno europeo, mandando inoltre in pensione il solito, tirannico, inconcludente apporto maschile. Disgrazie e, più che leader dalle epocali visioni, ( impaurite) ' segretarie' di qualche ( cattivo) capoufficio, che latra nell'anonimato. Senza volto, senza nome. Forse per nascondere agli occhi altrui qualcosa che non s'ha da vedere. Tra quegli ingenui del New York Times, e ( in fondo) tra tutti quelli che in questi decenni hanno creduto ad una Europa rinnovata che aveva imparato la terribile lezione della Seconda guerra mondiale. Imparato? Pare di no, o non del tutto. Soprattutto da parte di quella Germania che di quella guerra è stata ( oltre che l'orrore ) anche la causa e l' effetto. Mostra infatti nell'agir politico atteggiamenti sospetti e non solo egocentrici. Di certo miopi. Nel momento che può giocare la carta del suo vero riscatto agli occhi dell'umanità ed esercitare il compito epocale di ' costruttore di nazioni', come il Piemonte per l'Italia o la Prussia per la Germania, che fa? Si perde in quisquiglie interne, si smarrisce coccolando qualche insignificante rognoso. Ha avuto tanto dai conterranei ( in momenti cruciali), ma intende restituire poco o niente. Mostra solo il braccino corto, calcolato. Non ha memoria. Ignora la pietas ( o la solidarietà), di quella che in certi particolari momenti di emergenza generale diventa non debolezza ma lungimiranza. Capacità di cambiare il mondo. Per non generare ( altri) lutti e macerie, ma ( solo) speranze e prospettive. Anche urgenti, perchè mentre sul Vecchio continente si cammina negli altri volano. E infatti chissà qual scenario si svelerà, per noi, per gli altri, passata la ( subdola) tempesta? Eppoi non è ora che s'estingua il ( latente ) sospetto d' una Germania democratica e generosa che non è ancora riuscita a vuotare armadi, cantine, solai dei nefasti simboli d'un tempo ( duro) a morire ? Macron, francese sì ma non un De Gaulle, ondeggia. Mentre la 'sua' Lagarde alterna 'sciocchezze' a 'signorsì'. La Leyden, una volta è qui una volta è là, prima assicura ( perentoria) che alle proposte degli 'spendaccioni' del Sud non 'non si sta assolutamente lavorando', poi ( spiritata) ritratta. Ma che problema ha? Non ' far perdere la faccia' alla Germania? Ma quale faccia? Non sia ridicola, cara Signora, non vede che qui stan saltando tutti e tutto, onore ( suo) compreso ?

LA CRONACA DAL DIVANO. Ormai le chiamano le ‘tre Grazie’,  o anche ( parafrasando) le originali del Botticelli,  le  ‘ tre Disgrazie‘. La Lagarde è francese, le altre due sono  tedesche. In questa, stanno mettendo in gravi ambasce chi aveva pensato che bastava porle alla guida dei massimi sistemi  per garantire in [...]

31 marzo 2020 0 commenti