Tag "Trump"

 

Cultura&libri. ‘Joe Biden e il cattolicesimo negli Stati Uniti’ di Massimo Faggioli, edito da Scholé.

Cultura&libri. ‘Joe Biden e il cattolicesimo negli Stati Uniti’ di Massimo Faggioli, edito da Scholé. Qualcosa di più di un libro di politica internazionale o che riguarda un secolo di storia della Chiesa contemporanea quello del professore che ha lasciato l'Italia, oggi docente alla Villanova University (Philadelphia) e columnist per autorevoli testate. Joe Biden è il secondo presidente cattolico, dopo John Fitzgerald Kennedy (1961- 1963), ed è stato il quarto a candidarsi (Al Smith nel 1928 e John Kerry nel 2004) per ricoprire quella carica politica, ma anche morale e in certo modo religiosa (considerando il ruolo della religione nella sfera pubblica degli Usa) che è la presidenza degli Stati Uniti. Ma Biden rappresenta un Paese diviso al suo interno come non mai dai tempi della guerra civile, e un mondo cattolico in crisi, lacerato tra forme nemmeno più conservatrici o liberal, ma di marca post-istituzionale e neo-integralista, fra 'culture wars' diventate stile di vita ecclesiale e politico. Un mondo, insomma, in attesa di una sintesi o destinato a veder prolungare lo stallo delle sue polarizzazioni. Ed è qui, che oltre la cronaca o il racconto, balza agli occhi la linea interpretativa dell'autore. Che mettendo a frutto le sue ricerche sulla storia della chiesa contemporanea e il Vaticano II individua come nodo centrale la combattuta e controversa eredità del Concilio.

CULTURA&LIBRI. Arriva in libreria il giorno dell’insediamento del nuovo presidente americano e mentre è ancora forte lo shock per l’assalto a Capitol Hill dei sostenitori di Trump, il saggio di Massimo Faggioli ’Joe Biden e il cattolicesimo negli Stati Uniti‘ edito da Scholé, marchio della Morcelliana (pagg. 208, euro 16). Il volume, [...]

20 gennaio 2021 0 commenti

Non solo sport. Ma sì, è derby della Madonnina! Marta, poesia sulla neve. Per i nuovi stadi? Saluti e baci!

Non solo sport. Ma sì, è derby della Madonnina! Marta, poesia sulla neve. Per i nuovi stadi? Saluti e baci! Ci consoliamo con quella giovane artista della neve, minuta, coraggiosa, che disegna traiettorie leggiadre sulle piste innevate delle montagne d'Europa. La si chiama Bassino, ma solo di cognome, perchè per il resto di ' bassino' non ha nulla. Anzi, a dire il vero, c'è in lei qualcosa di 'altino'. Chissà che non tocchi a lei superar i miti antichi? Qualche volta il lupo dipinto è meno feroce e pericoloso di quello vero. Altre volte invece il lupo che si dipinge è ben più feroce di quello creduto. A quale delle due possibilità va ascritto quel goffo monumento umano con il faccione da cultore di wrestling giunto alla presidenza del Paese più importante del mondo odierno, al momento, sinceramente, non è dato da sapere. Certo è che ne sta facendo di cotte e di crude. Sicuramente non da livello d'un presidente con un ruolo tanto importante. Per il proprio Paese che, non dimentichiamolo, è una federazione di stati raggiunta dopo la più sanguinosa guerra civile dell'Ottocento, e per l'intero Globo, che 'attonito' in orecchio sta. Nei prossimi giorni, col procedere dell' impeachement, potrebbero arrivare incidenti. Di cui, in un Paese armato come gli Usa, non occorre avere i poteri dell'infallibile Cassandra per immaginarne la portata. Purtroppo anche i grandi imperi nascono e muoiono. Costì i Trump sono appena citati, anche se lasciano ferite profonde. In casa nostra, il buon Conte ha iniziato un terribile tour de force in parlamento per vedere di salvare il suo ( ennesimo) governo. Ci sa tanto che per i nostri ( nuovi) stadi non ci sia un gran futuro. Anzi. A Milano, con l'eventuale cessione Inter, chissà che i 'tintinnega' di quel Comune non prendano la palla al balzo per far sparire il tutto? E che sperar dell'impianto progettato per la Roma da Pallotta, dopo il recente cambio di proprietà? Restava qualche speranza per Firenze, ma tra una ciancia e l'altra sono riusciti a far dire al volenteroso Commisso: ' Ristrutturare il vecchio Franchi? Troppa burocrazia. Se vogliono uno stadio all'altezza dei tempi e della società, se lo facciano loro'. Loro chi? I 'tintinnega', ovviamente, e i mille e mille ' lavaceci', amici loro.

LA CRONACA DAL DIVANO. E se Luna Rossa, al momento, con due punti su quattro, ci ha fatto rossi al sol cospetto dei ( risorti) inglesi, nulla c’è  da scoprire di nuovo sul solito  armeggiar che  da oltre un lustro circonda  un’altra ‘rossa‘, quella mitica, emblematica, di Maranello. Alla Fia [...]

18 gennaio 2021 0 commenti

Non solo sport. Campionato: solo un derby di Milano? Voglia di Rubicone, per Trump e le sue legioni?

Non solo sport. Campionato: solo un derby di Milano? Voglia di  Rubicone, per Trump e le sue legioni? Qualche volta il lupo dipinto è meno feroce e pericoloso di quel che si prospetta. Altre volte invece il lupo che si dipinge è ben più feroce di quel che si potrebbe credere. A quale delle due possibilità va ascritto quel goffo monumento umano con il faccione da cultore di wrestling giunto alla presidenza del Paese più importante del mondo odierno, al momento, sinceramente, non è dato da sapere. Certo è che ne sta facendo di cotte e di crude. Sicuramente non da livello d'un presidente con un ruolo tanto importante. Per il proprio Paese che, non dimentichiamolo, è una federazione di stati raggiunta dopo la più sanguinosa guerra civile dell'Ottocento; per il Mondo , che 'attonito' in orecchio sta. Campionato: resta in vetta il vecchio Diavolo ( punti 40), con tre lunghezze in più rispetto ai nipotini dell'Ambrosiana. Guidati dal solito, inguaribile 'piangina', che di tutti si lamenta fuorchè di sè stesso, scusandosi col dir ' non mi conosco'. C'è una buona stampa, chissà perchè, che continua a celebrarlo, anche se per la terza volta sta fuori di Coppa e funge ( ancor) da bella statuina in Campionato. Misteri di questo meraviglioso Paese che predilige lui, il 'piangina', rimborsato per le sue prestazione con 12,5 mln, al Gasp, il 'magnifico', rimborsato invece con 2 max 3 mln, ovvero circa cinque volte in meno. Non è che sul discorso 'meritocrazia' stiamo ancora agli albori della civiltà? Per la XVIII giornata, da segnare: Lazio-Roma ( venerdì, ore 20,45), Inter-Juventus ( domenica, ore 20,45) e Cagliari-Milan ( lunedì, ore 20,45).

LA CRONACA DAL DIVANO. Qualche volta il lupo dipinto è meno feroce e pericoloso di quel che si prospetta. Altre volte invece il lupo che si dipinge è ben più feroce di quel che si potrebbe credere. A quale delle due possibilità va ascritto quel goffo monumento umano con il  faccione  [...]

12 gennaio 2021 0 commenti

Non solo sport. America, che fai? Serie A, bella e solitaria. Affinità: il Sommo Poeta e il Grande Airone.

Non solo sport. America, che fai? Serie A, bella e solitaria. Affinità: il Sommo Poeta e il Grande Airone. Ad occupare la cronaca di questo metà settimana ( mercoledì 6) sono le buone novelle che giungono da Oltreoceano, dove il passaggio di consegne alla giuda ( presidenza) del maggior stato al Mondo non è affatto certo e chiaro. L'uscente, quel strampalato cow boy del Trump, insiste sul credere che le ultime consultazioni siano state ' truccate', e dunque non valide. Deve avere ripetuto il suo delirio anche qualche ora fa, in qualche parte del grande Paese, spingendo però alcuni dei suoi facinorosi ad invadere il Campidoglio, sancta sanctorum della democrazia statunitense. Mai visto. Ovviamente, con un popolo che viaggia ( abitualmente) con le arme appresso, più o meno come ai tempi della conquista, c'è scappato qualche morto ( sembra 4, tra cui una giovane dimostrante pro Trump) con numerosi feriti e arresti. Forse al sor Trump, che di studi storici dev'essere abbastanza digiuno, non hanno spiegato che l'ultima volta che questo Paese è entrato in conflitto interno ( 1861-1865), ci sono scappati tanti di quei lutti e danni senz'altro pari per quel secolo ? Al limite, il sor Trump potrebbe avere anche qualche ragione di sospettare, nessuno gliele nega, ma che senso ha 'scatenare' un ( imponderabile) conflitto interno per far valere ragioni che, in uno stato di diritto come gli Usa, ha mille altre possibilità per far valere ragioni e recuperare torti? I romani, esperti, si sarebbero chiesti: cui prodest ? Metà settimana ( mercoledì 6) , con un turno ( insolito) di Campionato. Il clou era lo scontro Milan-Juve a San Siro; con le altre che avrebbero dovuto approfittare d'un eventuale 'passo falso' rossonero per agganciarlo in vetta. Le altre, nell'ispecie, soprattutte, Inter, Roma e Napoli. Ma di codeste soltanto la Lupa sempre più sorprendente del sor Fonseca, ha guadagnato terreno sul Diavolo, sconfitto dalla Signora ( 1-3) ma ancora al primo posto d'un torneo che appare sempre più incerto e appassionante. Solitario ma di nuovo il più bello. Alla faccia della propaganda esterofila.

LA CRONACA DAL DIVANO. Ad occupare la cronaca di questo metà settimana ( mercoledì 6) sono le buone novelle che giungono da Oltreoceano, dove il passaggio di consegne alla giuda ( presidenza) del maggior stato al Mondo non è affatto certo e chiaro. L’uscente, quel strampalato cow boy del Trump, insiste [...]

7 gennaio 2021 0 commenti

Non solo sport. Champions/Uefa: si ‘spegne’ la Dea. Così anche il Diavolo. Passaggi del turno ora da soffrire.

Non solo sport. Champions/Uefa: si ‘spegne’ la Dea. Così anche il Diavolo. Passaggi del turno ora da soffrire. Fuor dai campi di calcio, a tener banco non è solo il Covid ( in pesante risalita anche da noi, ora a livelli preoccupanti) ma anche l'elezione presidenziale Usa, dove Biden ( democratico) sta faticando non poco contro il tycoon Trump ( repubblicano). Che ventila anche un possibile ricorso alla Corte suprema per presunti brogli elettorali. A Biden, stando ai dati ultimi, manca una quindicina di elettori per dirsi nuovo presidente degli Usa. Terzo turno di Champions. L'Inter, ancora una volta sciupona, senza Lukaku, non ha fatto altro che agevolare il successo ( 3-2) d'un Real che meno Real di così non potrebbe essere. Piuttosto va vistosamente declinando la stella dell' ex Conte Dracula, ormai verso la pace dei sensi, tanto più che alla squadra non sa dare il giusto equilibrio per non farsi imbottire ogni volta da chicchessia di gol. L'accesso al secondo turno ora si fa duro. Si dice che l'ex Dracula sia pagato 12 mln e che c'è una squadra tra gli spendaccioni disposta a dargliene 15: se la voce è vera che altro si aspetta di fare alla Pinetina? Torna ad essere solo un simpatico ' calimero' la Dea di Bergamo. La ' lezione' dei navigati e medagliati Reeds ( 5-0) è fin troppo eloquente per continuare ad illudersi e ad illudere. Dolorosamente. E tuttavia, nel girone, ancora non è messa fuori, e può tentare una rimonta. Tentare: infatti, a questo punto, che altro ha da perdere? Ce l'ha fatta a sbrigare la pratica Ferencvaros la Signora ( 1-4), mentre ha strappato un pari ( 1-1) la Lazio menomata dell'Inzaghino. Passaggio del turno possibile per entrambe. Alla Signora basterà ( almeno) una vittoria ( magari contro il Barca), alla Lazio una vittoria ( contro Zenit) senza far regali nel doppio incontro con il Dortmund. Nella Uefa: vince ( di fortuna) il Napoli ( 1-2), vince bene la Roma ( 5-0), perde ( clamorosamente) il Milan ( 0-3). I passaggi di turno non sono compromessi ma occorrerà non far gli 'stupidi stasera '. Nel frattempo angli e germani ( con poche eccezioni) volano nel ranking.

LA CRONACA DAL DIVANO. Fuor dai campi di calcio, a tener banco non è solo il Covid ( in pesante risalita anche da noi, ora a livelli preoccupanti) ma anche l’elezione presidenziale Usa, dove Biden (  democratico) sta faticando non poco contro il tycoon Trump ( repubblicano).  Che ventila anche [...]

6 novembre 2020 0 commenti

Non solo sport. Cr7 sbarcato a Torino. Francia (bi)campione del Mondo. Vale, miracolo perpetuo.

Non solo sport. Cr7 sbarcato a Torino. Francia (bi)campione del Mondo. Vale, miracolo perpetuo. Biem-vindo, Ronny ! Giocando in velocità com'è abituato, in poche tappe, s'è portato su Torino, la sua nuova destinazione. Lo aspettavano per domani, lunedì mattina, è sbarcato oggi, domenica pomeriggio. E nonostante siano scaduti al contempo degli eventi mondiali, la prima pagina resta sua. Il campione dei 5 palloni d'oro arriva a Torino, nella squadra dei sette scudetti da troppo tempo orba di Champions, per conquistare per sè il titolo che solo un torneo difficile ( il più difficile al Mondo) può dargli: quello, per andar alle spicce, di ' campione dei campioni'... Il Mondiale di calcio, perfetto in ogni particolare, deve avere riavvicinato la Russia di Putin al Mondo. In tanti, infatti, erano i big della Terra ( e dello sport planetario) sistemati comodamente sulle tribune. Per assistere ad un incontro dominato ( nel gioco) fino al 65' dai croati, ma poi aggiudicato ai francesi ( 4-2) per via di quel gioco 'all'italiana' che sa aspettare e colpire implacabilmente. Grazie soprattutto a quei due o tre ' scugnizzi' di mister Dechampes che alla fin della veglia hanno saputo ( meritatamente) riportare il Mondiale sotto la torre Eiffel. Illuminata, affollata e festante. Dopo vent'anni dal primo trionfo.

LA CRONACA DAL DIVANO. Biem-vindo, Ronny ! Giocando in velocità com’è abituato, in poche tappe s’è portato su Torino, la sua nuova destinazione. Lo aspettavano per domani, lunedì mattina, è sbarcato oggi, domenica pomeriggio. E nonostante siano scaduti al contempo  degli eventi mondiali, la prima pagina resta sua. Il campione dei 5 [...]

15 luglio 2018 0 commenti

Non solo sport. Milano, che ci fai fuor d’Europa? Buona Pasqua anche alla ‘rossa’, purtroppo in rimonta.

Non solo sport. Milano, che ci fai fuor d’Europa? Buona Pasqua anche alla ‘rossa’, purtroppo in rimonta. Calcio. Berusca lascia. L'importante comunque è che il buon, vecchio Diavolo torni alla grandezza antica. Praticamente nell'empireo delle grandi del pallone, dove del resto ( come nessun altro) è stato in quest'ultimo trentennio. E' curioso, ma se si va a sbirciare sugli almanacchi, quegli omini in maglia rosa e nera, in un quarto di secolo hanno raggiunto una tale messe di vittorie da consentire al Berlusca il sorpasso sul mitico Bernabeu. Roba da non credere. Sacchi, il profeta di Fusignano, commenta: 'Non dimenticherò mai questi colori con loro gente. Quegli anni. Quei successi, che hanno cambiato la storia del calcio'. Altra notizia di rilievo è la firma de la Joja con la Nostra Signora di Torino fino al 2022. Il ragazzo, 23 anni, ha impressionato e non poco durante una di quelle partite che contano assai. Soprattutto per distribuire lauree e resettare gerarchie, che in questo caso stanno cambiando e di tanto: resta infatti sul trono il Messi ( recanatese) del Barca, ma ai suoi piedi c'è già il successore designato ad impugnare lo scettro di migliore del Mondo.

LA CRONACA DAL DIVANO. Qualifiche deludenti per la ‘rossa’ in Bahrain: le ‘ frecce’ con Bottas ( e non Hamilton) si riprendono la prima fila, davanti a Vettel, Ricciardo e (taxista ) Kimi. Ora si dovrà risalire, e non sarà facile. Ancora una volta, dietro quel muretto della ‘rossa’, qualcuno [...]

16 aprile 2017 0 commenti

Non solo sport. Ma che bravo sto ‘picciriddu’! Due suoi gol e le mani della Signora sulla Champions.

Non solo sport. Ma che bravo sto ‘picciriddu’! Due suoi gol e le mani della Signora sulla Champions. Non solo calcio. Auto F1. Dalla gara in Oriente abbiamo appreso due o tre cose: che la 'rossa' s'è riappropriata della sua naturale vocazione ma non ancora di una gestione adeguata; che quelli di Stoccarda dovranno fare con le mani e con i piedi per non avvelenarsi dietro ai suoi tubi di scarico e che Toto e Niki non potranno più bisbocciare a piacimento prima, durante e dopo le gare. Il guanto della sfida, di quelle che attirano le folle, è oramai lanciato. Dalla contesa sortiranno eroi ma anche vittime. Per star dalla parte del sicuro non sarebbe meglio che Toto salutasse l'amico Niki per togliersi di dosso ( finalmente) quella camicia bianca color pallore per andarne ad indossare un' altra rossa color passione? Un ultima annotazione. Anche dopo la sfortunata parentisi in Cina vorremmo non perdere di vista Antonio Giovinazzi, 23 anni, pugliese, terza guida Ferrari, prestato alla Sauber. Con qualcosa ( ma non troppo) da imparare.

LA CRONACA DAL DIVANO. Stavolta la Nostra Signora ce l’ha fatta. Erano anni che la si attendeva a questi livelli. E finalmente c’è arrivata, proprio davanti ai vecchi sovrani, questa volta soperchiati anche grazie ad un ragazzo dal solito sangue italo-argentino ( parte di madre, cittadino italiano dal 13 agosto [...]

12 aprile 2017 0 commenti

Non solo sport. America/Europa, al via la guerra commerciale.Juve: stop al Napoli. Le ‘Rosse’ in arrivo.

Non solo sport. America/Europa, al via la guerra commerciale.Juve: stop al Napoli. Le  ‘Rosse’ in arrivo. Sembra uscito da un saloon del vecchio west. Rude, spicciativo, amante ( a modo suo) della giustizia, un poco analfabeta. Ufficialmente sarebbe un tycoon, ma in realtà appare come un cow boy,magari arricchito e aggiornato alle modalità attuali. Quando parla di politica estera sembra un mustang indiano al galoppo sfrenato sulla sterminata prateria. Poco importa, a lui, degli ostacoli, conta solo superarli. In ogni modo. In ogni dove. A volte, sentendolo sparare a bruciapelo le sue sconcertanti improvvisate, ci si mette le mani tra i capelli. ' Ma donde viene costui? E che vuole?' , ci si chiede, sgomenti.

LA CRONACA DAL DIVANO. Non è che questo weekend sia stato prodigo di emozioni. Quelle, semmai, potranno tornare la settimana prossima con moto ed auto. In questi ultimi giorni, invece, da segnalare il viaggio festoso di papa Francesco nella rinata Emilia; la vittoria dell’eterno Federer a Miami sul solito Nadal [...]

3 aprile 2017 1 commento

Non solo sport. Il nostro calcio. Carico d’acciacchi e difetti ( stadi), ma ancora in grado di dar lezioni.

Non solo sport. Il nostro calcio. Carico d’acciacchi e difetti ( stadi), ma ancora in grado di dar lezioni. Federer-Nadal entrano nella leggenda del tennis. Così come le sorellone Serena e Venus Williams. Lo 'spettacolo' da loro offerto agli Australian Open è di quelli che non si dimenticano. E tuttavia sarà ora che anche sotto rete comincino ad avanzare nuove racchette, per dare il cambio ad una generazione di campioni che sta lasciando di sè ampia traccia. Bene siamo andati nel pattinaggio, con il nostro cigno Carolina in bronzo negli Europei di figura e con la coppia Cappellini-Lanotte argento nella danza libera, dopo la beffa nel corto a loro danno perpetrata. Bene è andato anche Fischnaller, terzo nella sprint di slittino. Benissimo stanno andando i nostri sciatori, uomini e donne. Fill, Goggia e Bassino sono potenze del settore. E pure l'Armani Milano ha ritrovato la dignità.

LA CRONACA DAL DIVANO. E’ tornato, il nostro calcio. Pieno di difetti ed acciacchi, ma pur sempre stimolante. Dicono che la Signora abbia già vinto la disfida;  dicono, ma senza tenere in debito conto come spesso va questo nostro Paese dalle mille pieghe e dagli orizzonti sempre diversi. Ad esempio, [...]

30 gennaio 2017 0 commenti