Tag "velocisti azzurri"

 

Non solo sport. Vaccinazioni: parola di alpino. Sport: sinfonie azzurre. Champions: Napoli, Milan o Juve?

Non solo sport. Vaccinazioni: parola di alpino. Sport: sinfonie azzurre. Champions: Napoli, Milan o Juve? Una settimana piena di eventi. E anche di suoni celestiali per lo sport azzurro. Agli Internazionali d'Italia di tennis, finalmente con una quota di pubblico, sono andati via via defilandosi i nostri Fognini, Berettini e Sonego, con quest'ultimo però, autore di una semifinale degna di un grande campione. Ha perso contro il grande Djoko, poi sconfitto in una finale memorabile da quell'intramontabile del Rafa ( decimo successi agli Internazionali), ma pur sempre numero uno al mondo. Nel secondo gioco ha dato spettacolo, imponendosi. Poi s'è un poco perso, pur sempre tenendo ritta la schiena davanti davanti ad un avversario che sta scrivendo la storia di questo sport. Avversario che, all'uscita, da par suo, non ha mancato di complimentarsi con il giovane ( 25 anni) guerriero italiano. Al Giro dei Giri, l'Alma Mater del ciclismo, è tornato in vetta quel giovane, asciutto, fenomeno del Bernal, 24 anni, colombiano, già primo ad un Tour. Sullo sterrato impregnato dalla pioggia di Campo Felice ( Rocca di Cambio) s'è preso tappa e maglia rosa. Come sempre commoventi sono le ali di folla che applaudono in ogni dove, ad ogni passaggio, indistintamente, affettuosamente, i mitici girini. Nell'appuntamento con le moto nella piovosa Le Mans, ancora una volta, l'azzurro ( pur non brillando come altre volte) non ha latitato. Intanto nella MotoGp, delle prime quattro moto tre sono 'rosse' Ducati. E questo non è dettaglio da poco. Sembrerebbe infatti aver convinto la futura Vr46 ad optare per il ' super motorone' di Borgo Panigale. Vedremo. Nelle tre categorie invece, successo australiano nella Moto Gp con Miller davanti a Zarco, Quartararo e Bagnaia ( risalito dal 16 posto); e vittorie spagnole in Moto 2 e 3. Nella Moto2, Fernandez ha battuto Gardner, Bezzecchi e Arbolino; nella Moto 3 Garcia ha avuto la meglio su Saalac e Rossi. Queste le classifiche: MotoGp, Quartararo punti 80, Pecco 79 e Zarco 68; Moto 2, guida Gardner con Bezzecchi a 17 punti; Moto 3, Acosta punti 103 davanti a Garcia 49, Migno 47, Fenati 46 e Antonelli 44. Prossimo appuntamento ( 30 maggio) al Mugello , la pista più amata ed ambita del Mondiale. Note celestiali giungono dal Lupa Lake, periferia di Budapest, dove il formidabile Greg ha tinto il lago ungherese d'azzurro. Tre ori, nei 5 km, 10 km ( olimpici) e staffetta ( con Acerenza, Bruni e Gabrielleschi).Inter battuta dalla Juve ( 3-2); Juve che crede ancora nella Champions, tanto più che ad alimentare la sua speranza c'è di mezzo il Milan del buon Pioli che, nei momenti topici, e in casa soprattutto, misteriosamente, invece di caricarsi si scarica. Lo 0-0 contro un Cagliari già salvo lascia interdetti, ora per passare in Champions il buon Pioli dovrà andare a battere nella sua tana quella Dea del Gasp che terrorizza l'Europa più del feroce Saladino. Ultimo turno, con lotta per il quarto posto Champions : Atalanta -Milan, Bologna-Juve, Napoli-Verona.

LA CRONACA DAL DIVANO. ( dal 13 al 18 maggio 2021). Una settimana piena di eventi. E anche di suoni celestiali per lo sport azzurro. Agli  Internazionali d’Italia di tennis, finalmente con una quota di pubblico, sono andati via via defilandosi i nostri Fognini, Berettini e Sonego, con quest’ultimo però, autore [...]

17 maggio 2021 0 commenti

Cesena. Quattro titoli italiani per le cesenati ai Campionati assoluti Master atletica leggera di Ancona.

Cesena. Quattro titoli italiani per le cesenati ai Campionati assoluti Master atletica leggera di Ancona. Doppietta di vittorie per la quarantaseienne velocista Cristina Sanulli che si è imposta nei 60 metri in 8.17 e nei 200 con il tempo di 26.74. In entrambe le gare l’ispettrice della Polizia Municipale di Cesena è rimasta soltanto a una manciata di centesimi dai record italiani SF45 di 8,07 di Maria Ruggeri e 26.61 di Denise Carolina Neumann, è molto più che un ipotesi quella che a breve il suo nome possa finire nell’albo d’oro dei primati. Valentina Morigi, trentaseienne impiegata di un’ azienda informatica, ha messo al collo la medaglia d’oro del salto in lungo SF35 con un balzo di 5,58 metri, non troppo distante dal suo personale all’aperto di 5,79 risalente al 2003. La saltatrice allenata da Sandro Suriani avrebbe certamente raggiunto. La vittoria anche nel salto triplo, specialità in cui non ha avversarie in grado di impensierirla in Italia, se proprio in occasione della prova da medaglia un risentimento muscolare non avesse consigliato di rinunciare al bis. 3,15 metri, invece, la quota a cui è salita Barbara Capellini per indossare la maglia di campionessa italiana SF40 di salto con l’asta.

ANCONA – Il PalaIndoor di Ancona, sede in questo week end dei Campionati italiani Master di atletica leggera, ha visto le atlete del gruppo dell’Atletica Endas Cesena salire per quattro volte sul gradino più alto del podio. Doppietta di vittorie per la quarantaseienne velocista Cristina Sanulli che si è imposta [...]

26 febbraio 2018 0 commenti