Faenza. ‘ Di gelo e di fuoco’ : un lungo viaggio a piedi diventato un racconto. Grazie alla penna di Andrea Zauli.

Faenza. ‘ Di gelo e di fuoco’ : un lungo viaggio a piedi diventato un racconto. Grazie alla penna di Andrea Zauli. La storia di 'Di gelo e di fuoco' è iniziata una quindicina di anni fa, quando Guido Fiandra, venendo a conoscenza del viaggio di Sigerico e della Via Francigena, ne fu affascinato. Dopo averne approfondito la storia e visitato alcuni tratti, paesi e città, si fece una domanda: come mai il Cammino di Santiago di Compostela è ancora così popolare e percorso da moltitudini di persone, mentre la Via Francigena – la cui rilevanza religiosa e storica è altrettanto grande, – è molto meno conosciuta e frequentata? Ne parlò con Andrea Zauli, Fabrizio Fangareggi e Pierluigi Fabbri, suoi amici autori, proponendo loro di partire assieme per un viaggio: scrivere un romanzo che si dipanasse lungo un millennio e avesse come ambientazione la Francigena Strata, come veniva chiamata nel Medioevo. Il progetto prese corpo a partire da un’idea per la storia principale alla quale Fiandra aveva già cominciato a lavorare. Tutti e quattro assieme avrebbero sviluppato il racconto che doveva fare da cornice, mentre ognuno di loro avrebbe scritto autonomamente il racconto di viaggio di ciascun personaggio, differenziandolo per tono e stile da quello degli altri.

FAENZA . Sarà presentato venerdì 7 giugno, ore 21,  presso la Biblioteca comunale manfrediana ‘Di gelo e di fuoco’, romanzo storico sulla Via Francigena dichiarata ‘Itinerario culturale del Consiglio d’Europa‘, assumendo, alla pari del Cammino di Santiago di Compostela, una dignità sovranazionale. Ne parleranno l’autore, Andrea Zauli, il giornalista e guida ambientale [...]