Non solo sport. 2 Giugno a Codogno. Il presidente: ‘ Di qui ripartirà il Paese’. Frontiere riaperte, a cavolo !

Non solo sport. 2 Giugno a Codogno. Il presidente: ‘ Di qui ripartirà il Paese’. Frontiere riaperte, a  cavolo ! Intanto l'Italia ha celebrato la festa del 2 Giugno, a Codogno, dove il morbo giunto chissà da dove ha seminato morte, trovando però un'eroica opposizione. Oggi, la zona, è bonificata. Totalmente. E anche se qualche deficiente continua a chiudere le frontiere ai soliti (presunti) untori italiani, il nostro esimio Presidente ha fatto sapere agli orbi e sordi d'Europa che di qui 'ripartirà il Paese'. Il Belpaese. Incredibile a dirsi. Eppure qualcosa di nostro ce lo stiamo mettendo in questo sfoggio di Medioevo ( non solo) continentale. Ce lo mettiamo nel senso che a partire da governo e opposizione, passando per la pletorica task force di uomini di scienza, fin al marasma mediatico tutto affidato a penne e voci che manco l'ombra sono di quelli che furono, vorremmo capire cosa potrebbe passare nella testa di quel viandante bulgaro che volesse transitare nel Belpaese ? Infatti, non si sa come e perchè, a star sentire la task force, da un momento all'altro dovrebbe tornare una bottarella di virus ( ora ai minimi, in 12 regioni assente), mentre alle prime nebbie d'autunno certo è che il sor Covid una passatina ben fatta a noi non la negherà di certo. Che altro dire per far girare alla larga quel viandante bulgaro ? Ci stiamo facendo del male da soli? E' questo il tributo da versare alla demagogia? Dopo avere aperto porte e finestre a quelle folle anonime di giovani uomini e giovani donne che poco o nulla masticano di quel che dovrebbero masticare? Mannaggia, non è che così rischiamo davvero di passare un' estate senza un cane foresto ? Per fortuna che c'è il governator Zaia che grida: ' I greci non ci vogliono? Peggio per loro. Non so se prima di far certe sparate hanno chiesto qualcosa ai loro operatori. Infatti mi risulta che sono gli italiani ( e i veneti) che vanno in Grecia per il Minotauro e non i greci da noi per la Sibilla Cumana'. Contenti loro, contenti tutti.

LA CRONACA DAL DIVANO. Il ‘Luigino’ Di Maio ( come lo chiama il governatore De Luca) s’è inalberato quando ha appreso che perfino i greci ( con qualche ripensamento)  non vogliono ospitarci questa estate. Noi però dovremmo inalberarci con lui, visto che per  fare il ministro degli Esteri della sesta o [...]