Faenza

 

Faenza. Riaccesa la grande passione per la ‘Corsa del Passatore’. In 1800 alla ‘ Cento chilometri di casa’.

Faenza. Riaccesa la grande passione per la ‘Corsa del Passatore’. In 1800 alla ‘ Cento chilometri di casa’. Ben 1800 le persone che hanno intrapreso la '100 km di casa' per dare un segnale forte e chiaro dal 'popolo della Cento'. Un mare di runner e appassionati tutti accomunati dal desiderio di condividere un evento universale, in grado di unire persone di ogni provenienza, ceto ed etnia, tutte accomunate dal grande senso di fratellanza e genuina competizione che da sempre hanno caratterizzato la Firenze-Faenza sin dalla prima edizione del 1973.Tra le iniziative effettuate il 23 maggio, la staffetta curata dalla polisportiva Ellera che ha visto runner (tra cui Luigi Pecora, al quale è stato affidato lo step finale) darsi il cambio da Firenze a Faenza trasportando una bandiera recante il giglio di Firenze, un simbolico omaggio allo stendardo di Marco Gelli, decano dell’ultramaratona intitolata a Stefano Pelloni. Pecora è giunto in piazza del Popolo a Faenza alle 20,45 applaudito da tifosi e appassionati radunatisi mantenendo le distanze di sicurezza.

FAENZA. Non ci sono parole se non ‘passione’ per descrivere le tante iniziative e contributi dedicati alla Firenze-Faenza nella giornata del 23 maggio 2020, sabato nel quale si sarebbe dovuta correre la 48 esima edizione della 100 km del Passatore, rinviata al 2021 causa pandemia Covid-19. Ben 1800 le persone [...]

25 maggio 2020 0 commenti

Faenza. Dal gruppo Disabilità 2.400 euro per l’acquisto di protezioni individuali negli ospedali.

Faenza. Dal gruppo Disabilità 2.400 euro per l’acquisto di protezioni individuali negli ospedali. n questi giorni Anffas, Autismo Faenza, A mani libere, 'Si stare insieme' Anmic e G.R.D. attraverso i presidenti e a nome di tutte le famiglie rappresentate hanno deciso di devolvere agli ospedali di Ravenna, Lugo e Faenza, in virtù dell’emergenza Coronavirus, una parte di quanto raccolto nella campagna Calendario 2020 'Ci vuole un albero'. Iniziativa che ha permesso di raccogliere 51.000 euro in totale. Risorse che hanno permesso di finanziare i due progetti 'La bottega della Loggetta' e 'La chiocciola'. Nello specifico 230 ore per il sostegno per lo sviluppo delle autonomie e delle abilità sociali e 500 ore per il sostegno per il miglioramento delle capacità comunicative. A questo si aggiunge anche il finanziamento elargito per l'emergenza Coronavirus. Si tratta di di 2.400 euro complessivi, suddivisi pariteticamente fra i tre ospedali di Ravenna, Faenza e Lugo, finalizzati all’acquisto di presìdi di protezione individuale.

RAVENNATE. Un segnale di solidarietà e vicinanza arriva anche da alcune associazioni faentine per la lotta al Coronavirus. In questi giorni Anffas, Autismo Faenza, A mani libere, ‘Si stare insieme‘ Anmic e G.R.D. attraverso i presidenti e a nome di tutte le famiglie rappresentate hanno deciso di devolvere agli ospedali [...]

16 aprile 2020 0 commenti

Faenza. Covid 19: controlli della Polizia locale. 516 esercizi controllati e 124 persone fermate in strada.

Faenza. Covid 19: controlli della Polizia locale. 516 esercizi controllati e 124 persone fermate in strada. Nel weekend appena trascorso sono stati 516 gli esercizi commerciali controllati e 124 le persone fermate per strada per verificare le motivazioni per le quali si trovavano in quel momento fuori di casa. Se gli esercizi commerciali, compresi bar e locali di ristorazione sono risultati generalmente in regola, salvo alcune incomprensioni prontamente risolte, sono state invece 2 le persone denunciate per la palese violazione della norma che impone di restare a casa tranne che per motivi di necessità o di lavoro, inoltre, 20 autodichiarazioni sono state trasmesse alla polizia giudiziaria per verificarne la veridicità. Nei prossimi giorni i controlli, non solo proseguiranno, ma verranno intensificati. Si ricorda quindi alla cittadinanza di osservare tutte le prescrizioni contenute nei decreti del Governo e nelle ordinanze regionali.

FAENZA.  È un impegno massiccio quello messo in campo in questi giorni dalla Polizia locale dell’Unione della Romagna faentina per verificare il rispetto delle misure anti coronavirus contenute nei decreti emanati dal Governo e dagli Enti locali.  Nel weekend appena trascorso sono stati, infatti, 516 gli esercizi commerciali controllati e 124 le [...]

16 marzo 2020 0 commenti

Faenza. Al Voltone della Molinella, dal 4 al 16 marzo, mostra su Tonino Guerra. Il centenario della nascita.

Faenza. Al Voltone della Molinella, dal 4 al 16 marzo, mostra su Tonino Guerra. Il centenario della nascita. Tonino Guerra, poeta, scrittore e sceneggiatore di fama internazionale, è nato il 16 marzo 1920 a Santarcangelo di Romagna, dove è scomparso il 21 marzo 2012. Vissuto per trent’anni a Roma, con lunghe soste in Russia, divenuta sua seconda patria, alla fine degli anni ’80 si è trasferito a Pennabilli, dove era solito trascorrere lunghi periodi estivi e nella quale è sepolto. Figlio di genitori contadini (alla madre analfabeta insegnerà a scrivere), durante la Seconda guerra mondiale viene deportato in Germania e rinchiuso in un campo d’internamento dove inizia a comporre i primi versi in lingua romagnola. Nell’immediato dopoguerra pubblica la sua prima raccolta di poesie in dialetto, I scarabócc. A questa ne seguono altre, fra le quali I bu (1972. Pubblica cinquanta libri fra racconti e poesie, vincendo numerosi premi: il Pirandello, il Pasolini, il Gozzano, il Nonino, il Carducci e il Comisso. Dai primi anni ’50 si è dedicato alla sceneggiatura e ha scritto per i più grandi registi dell’epoca,compresi Vittorio De Sica, Michelangelo Antonioni, Federico Fellini, i fratelli Taviani, Elio Petri, Mario Monicelli, Francesco Rosi, Theo Anghelopulos e Andrej Tarkovskij. Oltre 120 i film da lui sceneggiati, da L’avventura di Antonioni ad Amarcord di Fellini, vincitore del premio Oscar. Ma alla Romagna, come documenta la mostra, il Maestro santarcangiolese ha dato qualcosa di più: un segno tangibile del suo passaggio.

FAENZA. In relazione a quanto riportato nel DCPM del 1 marzo 2020, all’ articolo 2 paragrafo f), allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi  del  virus SARS-COV2-2019/2020: “apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’art. 101 del codice dei beni culturali e [...]

Faenza. In Romagna nasce un polo on line musicale. Con OAPlus e MEIweb, oltre 200 mila visitatori.

Faenza. In Romagna nasce un polo on line musicale. Con OAPlus e MEIweb, oltre 200 mila visitatori. OAPlus è la nuova sezione di OASpoTempio dello sport con 175 milioni di visualizzazioni, dedicata interamente all’arte e all’intrattenimento. Dalla musica al cinema e allo spettacolo, passando per la moda, i viaggi e la cucina, OAPLus è il nuovo portale online pensato per chiunque, appassionato del settore, addetto ai lavori o semplicemente curioso, abbia voglia di conoscere, scoprire e approfondire oltre lo sport. Grazie al lavoro di un team di professionisti del settore - giornalisti, critici musicali, scrittori, blogger, attori e registi - con OAPlus sarà possibile essere sempre aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo della musica, sia italiana che straniera, dalle ultime uscite discografiche ai concerti e alle classifiche, ma anche nel mondo del cinema, del teatro e della moda sia nazionali che internazionali, senza dimenticare il food e i viaggi. Se è vero che non c’è limite all’arte, il nostro motto è raggiungere il non Plus ultra e parlare di tutto e di… Plus! OAPlus ha un grande obiettivo: diventare il Tempio delle arti. Ma per farlo abbiamo bisogno della collaborazione di colleghi e professionisti del settore come voi: inviateci i vostri comunicati stampa, le vostre interviste, videoclip e la programmazione di concerti, appuntamenti e le nuove uscite discografiche. In questo potremo essere costantemente aggiornati e offrirvi sempre di… Plus!

FAENZA. Dal 1° marzo in Romagna nasce un polo on line di informazione musicale a 360 gradi di grandissima forza: insieme OAPlus e MEIweb raggiungono 200 mila visitatori unici ogni mese. OAPlus, il Tempio dell’ arte e dell’intrattenimento. Dalla musica al cinema, dalla moda allo spettacolo, dai viaggi al food [...]

26 febbraio 2020 0 commenti

Faenza. Il capolavoro perduto. La pala di Guido Reni della Pinacoteca distrutta nella Seconda guerra.

Faenza. Il capolavoro perduto. La pala di Guido Reni della Pinacoteca distrutta nella Seconda guerra. La pala, descritta in una pubblicazione faentina del 1840, poi collocata nella Pinacoteca, è stata distrutta nel 1944 con gli eventi bellici della Seconda guerra. Dopo tanti anni l’unico frammento rimasto, e restaurato negli anni Sessanta, sarà messo in mostra venerdì 21 febbraio 2019 nella Pinacoteca comunale, via S.Maria dell’Angelo 9, in occasione della conferenza dal titolo 'Danni di guerra. La perduta pala di Guido Reni' che si terrà alle ore 17,30. Relatore della conferenza, organizzata dalla sezione di Faenza di Italia Nostra sarà Claudio Casadio, direttore della Pinacoteca comunale. Documentata da una immagine fotografica in bianco e nero realizzata dalle edizioni Alinari quest’opera di Guido Reni, commissionata nel 1613 dal bolognese Vincenzo Serpa e da lui donata ai Cappuccini di Faenza, ha lasciato molte tracce di sé nel mondo. Oltre a varie copie e rielaborazioni, tra cui una a Cesena ed una realizzata da Elisabetta Sirani per la chiesa di San Francesco a Pistoia e altre quattro in varie città europee, vi sono riproduzioni a stampa e disegni preparatori dello stesso Reni conservati nelle collezioni reali inglesi e in America.

FAENZA. ”Ornamento bellissimo” della chiesa dei Cappuccini nell’Ottocento era una grande pala d’altare con la Madonna in trono e i Santi Francesco e Cristina, “tutti a tre di ordinaria grandezza, tutti a tre pieni d’anima e di vita, tutti a tre per forme e per colorito maravigliosi, degnissimi in una parola del [...]

15 febbraio 2020 0 commenti

Faenza. Elettronica in Fiera. Appuntamento ( sabato 29 febbraio / domenica 1 marzo) con l’ Expo.

Faenza. Elettronica in Fiera. Appuntamento ( sabato 29 febbraio / domenica 1 marzo) con l’ Expo. La varietà e la convenienza dell’offerta espositiva la rendono un appuntamento da segnare in agenda, per esperti e appassionati del settore. Expo Elettronica è in prevalenza un evento consumer dove scovare piccole e grandi occasioni di affari: hardware e software, componentistica, strumentazioni, periferiche, videosorveglianza, telefonia, home entertainment. Non solo utile ma anche futile, è lo shopping per tutta la famiglia: materiali di consumo, videogames, piccoli elettrodomestici e gadgets per la casa, cover customizzate e molto altro Il cuore della manifestazione rimane Radio Expò, il mercatino dell’usato elettrico elettronico, dove gli irriducibili possono ancora scovare pezzi introvabili. Tutti i radioamatori che si presentano con il patentino, oltre a godere dell’ingresso omaggio, partecipano all’estrazione di un bellissimo premio in palio, in tutti e due i giorni della manifestazione, grazie alla collaborazione con A.R.I Faenza. Sono previsti momenti di formazione e informazione grazie agli esperti del MakersLab di Forlì, che espongono progetti in materia di stampa 3D, robotica, Arduino.

FAENZA. Sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo, la Fiera di Faenza ospita il primo dei due appuntamenti annuali con Expo Elettronica. La tappa più longeva del circuito fieristico, organizzata da Blu Nautilus, si conferma uno degli eventi consumer più attesi della Romagna, dedicato a informatica, elettronica, telefonia, domotica e [...]

13 febbraio 2020 0 commenti

Faenza. Il Mei vince a Sanremo. Con i giovani talenti che qui transitano per scalare poi le vette della canzone.

Faenza. Il Mei vince a Sanremo. Con i giovani talenti che qui transitano per scalare poi le vette della canzone. E’ il caso di Diodato più volte presente al MEI di Faenza fin dai suoi primi passi che tre anni fa chiuse l’edizione 2017 con un Concerto per la Pace, i Diritti, l’Uguaglianza e la Solidarieta’ in occasione della visita del Papa in Romagna suonano come ospite con artisti di ogni provenienza multietnica per un grande live dai mille colori in collaborazione con Voci per la liberta’ e Amnesty International. Nello stesso anno erano presenti anche i Pinguini Tattici Nucleari che avevano firmato un paio di anni prima con una piccola etichetta discografica indipendente on line come la Diavoletto per una compilation presente al MEI. Infine, l’altro anno d’oro del MEI rispetto al Festival di Sanremo 2020 e’ stato il 2016 quando al Palazzo delle Esposizioni e al Teatro Masini furono premiati due artisti ai primi passi come Ghali, super ospite a Sanremo, allora sconosciuto, se non a una torma di teen ager che aveva strariempito il Palazzo delle Esposizioni, e gli Eugenio in via Di Gioia, vincitori morali di Sanremo Giovani con il Premio critica Mia Martini che furono premiati e si esibirono al Teatro Masini. Infine, a Sanremo 2020 ci sono tantissimi altri artisti che hanno oramai il MEI come tappa fondamentale nei primi passi della carriera come Morgan, che venne nel 1995, Bugo che presento’ qui il suo primo album nel 2001, Piero Pelu’ pluripremiato al MEI e con il quale il MEI ha anche collaborato per alcune iniziative come un videoclip per la Lotta all’Aids. Levante premiata al MEI 2013 , Tosca prima testimonial della Festa della musica dei giovani nella Capitale della cultura realizzato dal MEI a Mantova nel 2016 e tanti altri artisti. Il MEI di Faenza, che celebra i suoi 25 anni di storia , dal 2 al 4 ottobre 2020 , è oramai nel cuore di tutti gli artisti che partono con la loro carriera di artisti indipendenti ed emergenti e la vedono come una tappa imprescindibile e quindi come unica vetrina completa della nuova scena musicale italiana andrebbe ancora più valorizzata e sostenuta.

FAENZA. Il MEI prosegue ad essere un grande contenitore di giovani talenti che poi dopo essere passati dal MEI qualche anno dopo arrivano alle vette della musica Made in Italy. E’ il caso di Diodato più volte presente al MEI di Faenza fin dai suoi primi passi che tre anni [...]

10 febbraio 2020 0 commenti

Faenza. La Festa della Befana nella rinnovata sede Avis. Con sorprese e la proiezione di documentari.

Faenza. La Festa della Befana nella rinnovata sede Avis. Con sorprese e la  proiezione di documentari. Nel 2020 la tradizionale Festa della Befana organizzata annualmente da Avis Faenza, anziché nella consueta cornice di piazza del Popolo si svolgerà nella rinnovata sede sociale di viale Stradone 9, al primo piano della palazzina che ospita il nuovo Pronto soccorso dell’Ospedale degli Infermi. La nuova sede di Avis Faenza è stata inaugurata lo scorso 9 novembre, nell’ambito dell’inaugurazione del rinnovato Pronto Soccorso, alla presenza di Stefano Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna. I lavori erano stati avviati nel maggio 2014. Oltre ai locali di segreteria, la nuova sede di Avis Faenza è dotata di una moderna sala conferenze da cinquanta posti, un ufficio di presidenza, un ufficio dei consiglieri e due magazzini dove poter conservare materiale. Ai nuovi locali si accede sempre dal parcheggio dell’Ospedale degli Infermi, lato viale Stradone.

FAENZA. Nel 2020 la tradizionale Festa della Befana organizzata annualmente da Avis Faenza, anziché nella consueta cornice di piazza del Popolo si svolgerà nella rinnovata sede sociale di viale Stradone 9, al primo piano della palazzina che ospita il nuovo Pronto soccorso dell’Ospedale degli Infermi. L’appuntamento resta fissato come sempre [...]

3 gennaio 2020 0 commenti

Faenza. Città della ceramica. Stagione di assemblee per le associazioni italiana ed europea.

Faenza. Città della ceramica. Stagione di assemblee per le associazioni italiana ed europea. Il 22 novembre, a Manises (Spagna), l'assemblea dei soci di AEuCC ha visto la partecipazione di 15 persone, provenienti da 5 paesi europei (Italia, Spagna, Repubblica Ceca, Portogallo, Polonia), che hanno fatto il punto sulle attività e i progetti e hanno preso importanti decisioni. Il senatore Stefano Collina ha infatti concluso ufficialmente il suo mandato quale presidente di AEuCC, dopo 3 anni di intenso lavoro in cui sono partiti diversi importanti progetti, tra cui Cerasmus+ (programma Erasmus+ dell'Unione Europea) e CLAY (programma Interreg Europe). Il vice sindaco della città di Manises, che ricopre anche la carica di presidente dell'associazione spagnola Città della ceramica AeCC), è stato quindi eletto nuovo presidente di AEuCC, mentre Massimo Isola, vice sindaco di Faenza e presidente di AiCC, è stato eletto Vice Presidente di AEuCC. Il faentino Giuseppe Olmeti è stato confermato, per il quarto biennio consecutivo, quale Segretario Generale e Direttore Progetti, mentre lo spagnolo Oriol Calvo è stato confermato vice segretario e direttore amministrativo. Sono inoltre maturate le condizioni per un allargamento dei partecipanti al gruppo europeo, fondato dalle associazioni di città della ceramica italiana, spagnola, francese e rumena.

FAENZA. 29 novembre 2019 – Nei giorni scorsi si sono svolte le due assemblee dei soci di AiCC – Associazione italiana Città della ceramica e AEuCC – Gruppo Europeo di Cooperazione territoriale Città della ceramica, che hanno riconfermato in entrambi i casi il ruolo centrale di Faenza nelle attività di [...]

29 novembre 2019 0 commenti